Rassegna stampa del 9 giugno 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

ArchiviOK Telematici

Unico 2010 guadagna 20 giorni

Dichiarazioni. Le indicazioni sulle date della proroga per i contribuenti sottoposti agli studi di settore. In arrivo il Dpcm

Slitta al 6 luglio la scadenza per i versamenti di Unico senza maggiorazione dello 0,4% e al 5 agosto quella per il pagamento con il "supplemento". Sono queste le date che (salvo modifiche dell'ultima ora) risulteranno dal Dpcm in fase di firma da parte del presidente del Consiglio. Interessata alla proroga non sarà tuttavia l'intera platea dei contribuenti che presentano Unico, ma solo la parte di soggetti ai quali si applicano gli studi di settore.
E' il terzo anno che viene concessa la proroga (la prima nel 2007, ma si saltò il 2008), sfruttando una possibilità concessa dalla legge.

Il Sole 24 Ore - A. Criscione, T. Morina - art. pag. 33

Calcio e moda sotto tiro per le fatture false

Antievasione. Gdf: illeciti per 133 milioni

Sei società di calcio, marchi della moda e del design, colossi della telefonia o piccole realtà editoriali. Era ampio e variegato il portafoglio clienti del fiduciario svizzero, Giuseppe Guastalla. Tutti andavano da lui e a tutti lui - attraverso la sua Doge - riusciva ad assicurare un servizio personalizzato di società estere, con false fatture e veri spalloni, per pagare meno tasse.
Il Nucleo tributario della Guardia di finanza di Milano ha perquisito 280 imprese, 302 gli indagati, per una presunta evasione da 133 milioni di euro, realizzata tra il 2003 al 2009 attraverso fatture per presunte operazioni inesistenti. Udinese, Catania, Empoli, Ascoli, Reggina e Cesena le società calcistiche, di serie A e B, accusate di aver emesso false fatture a favore di imprese straniere, aperte stavolta non nei soliti paradisi fiscali, ma in Olanda, Ungheria, Gran Bretagna o Austria.

Il Sole 24 Ore - R. Calandra - art. pag. 33

Più facile opporsi al pignoramento sul terzo 'debitore'

Il termine passa da 15 a 60 giorni

Termini più ampi per contestare i provvedimenti invasivi emanati dagli agenti della riscossione. Passa infatti da 15 a 60 giorni il termine a disposizione del contribuente per impugnare i pignoramenti presso terzi.
Lo ha reso noto Equitalia con la direttiva 12/2010 inviata a tutti gli amministratori delegati e direttori generali delle società partecipate, alla quale è allegata anche la nuova modulistica per le procedure esecutive.
L'obiettivo della società pubblica è migliorare il rapporto con i cittadini e permettere al debitore iscritto a ruolo di potersi difendere contro le esecuzioni forzate ritenute errate. In questo modo gli interessati, secondo Equitalia, "avranno più tempo per valutare ed eventualmente contestare il pignoramento presso terzi".

Il Sole 24 Ore - S. Trovato - art. pag. 34

Agenzie fiscali in ordine sparso

Manovra correttiva. Gli effetti dello stop alle verifiche con mezzo proprio sul camp. Dopo le Dogane, il Territorio blocca le missioni istituzionali

Agenzie fiscali in ordine sparso sulle verifiche fatte dai dipendenti con la propria auto. L'Agenzia delle dogane ha stoppato l'uso del mezzo proprio per i controlli, come previsto dalla manovra correttiva. L'Agenzia del territorio ha deciso lo stesso, ma solo per le missioni istituzionali, meeting, congressi, mentre per il momento nulla cambia sull'attività legata ai controlli.
La posizione dell'Agenzia è che fermerà anche le verifiche purché l'amministrazione finanziaria spieghi come fare a continuare l'attività sul territorio. L'Agenzia delle entrate invece sta valutando il da farsi, ma intanto le direzioni regionali non stanno con le mani in mano.
In attesa che la situazione normativa venga corretta, con emendamenti al decreto legge 78/2010 che proprio oggi inizia in commissione bilancio l'iter per la conversione con l'avvio di audizioni informali, in Piemonte le verifiche con mezzo proprio vengono autorizzate dalla direzione regionale delle Entrate. Ma solo in centro città.

Italia Oggi - C. Bartelli, V. Stroppa - art. pag. 21

Conti in banca chiusi a costo zero

Lo prevede lo schema di decreto che riscrive le norme su microcredito e operatori finanziari. Recesso senza penali nei contratti a tempo indeterminato

Chiudere il conto o il finanziamento con la banca senza spese. Le nuove regole sui contratti bancari, con un aggiornamento del Testo unico bancario (Tub, dlgs 385/1993), sono scritte dallo schema di decreto legislativo di recepimento della direttiva 2008/48/Ce, relativa a i contratti di credito ai consumatori, coordinamento del Titolo VI del Testo unico bancario con altre disposizioni legislative in tema di trasparenza, revisione della disciplina dei soggetti operanti nel settore finanziario, degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi.

Italia Oggi Sette - A. Ciccia - art. pag. 23