Se non vedi correttamente la Rassegna Stampa clicca qui

Rassegna stampa dell'11 giugno 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

Visualizza la scheda del software Log PrivacyXP Richiedi informazioni su Log PrivacyXP Scarica qui e compila il modulo di acquisto Log PrivacyXP  

Per Unico proroga da 7,1 miliardi

Consiglio dei ministri. Varato il Dpcm con le stime del gettito che slitterà in conseguenza del rinvio di 20 giorni

Lo slittamento dei versamenti di Gerico "sposta" più di sette miliardi di euro. E' quanto emerge dalla relazione allo schema di Dpcm di proroga del termine per il pagamento dei soggetti che applicano gli studi di settore. Un allungamento dei tempi si profila anche per l'invio dei modelli 730 da parte dei Caf, ma solo di quelli trasmessi separatamente dal modello 730-4.
Sono queste le novità che emergono dallo schema del provvedimento attualmente alla firma del presidente del Consiglio.

Il Sole 24 Ore - A.Criscione - pag. 31

La riscossione non fa più soste

In arrivo la circolare Inps sulla norma che impedisce agli enti di sospendere la procedura. Dal 31 maggio impossibile ottenere lo stop dei ruoli sui contributi

Aziende e contribuenti non possono più ottenere dagli enti di previdenza e di assistenza la sospensione della cartella esattoriale. La norma che lo consentiva è stata infatti abrogata dall'articolo 30, comma 10 del decreto legge 78/10 che - preciserà tra l'altro l'Inps in una circolare della prossima settimana - è in vigore già dal 31 maggio scorso.
E' da quella data quindi e non dal prossimo anno che gli enti di previdenza non possono più chiedere al concessionario di sospendere la riscossione della cartella su cui sono stati iscritti i crediti contributivi riferiti a situazioni sulle quali pendono procedimenti amministrativi. La nuova norma - precisa l'Istituto nella circolare in fase di elaborazione - per essere operativa non deve attendere il 1° gennaio 2011, data di entrata in vigore della più ampia riforma della riscossione del'Istituto (articolo 30 della stessa manovra), come invece poteva apparire di primo acchitto.

Il Sole 24 Ore - G. Maccarone, M. Peruzzi - art. pag. 33

Il certificato si trova in tabaccheria

Lottomatica/P.a.

Maggiore concorrenza, una pubblica amministrazione sempre più presente, meno spostamenti e code, più orari di accesso. Sono gli obiettivi dell'accordo sulle «Reti Amiche» siglato dal ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione, Renato Brunetta, e dal direttore generale di Lottomatica Group, Renato Ascoli, che stabilisce l'erogazione ai cittadini e alle imprese di diversi servizi delle pubbliche amministrazioni.
Il protocollo prevede la stampa dei certificati anagrafici attraverso i punti Lottomatica Italia servizi (Lis), l'utilizzazione dei canali informativi presenti nei punti Lis per veicolare le campagne della pa. Agli oltre 60 mila sportelli Reti Amiche, già attivi sul territorio nazionale grazie agli accordi siglati con Poste, Tabaccai, Intesa SanPaolo e Unicredit, si aggiungono ora quelli Lottomatica che completano alcune delle reti esistenti e che servono oggi circa 20 milioni di clienti, con 30 mila sportelli e oltre 40 milioni di transazioni di pagamento.

Italia Oggi - N. Tani - art. pag. 24

Transazione fiscale senza ritenute

Manovra correttiva. La normativa diventa più stringente e sconfina nel penale. Sarà possibile solo la rateizzazione del debito tributario

La transazione fiscale perde anche le ritenute e incappa nel penale; sarà possibile solo rateizzare e non falcidiare (come per l'Iva) il debito tributario derivante da ritenute operate e non versate; inoltre, nell'ambito del reato di sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte (peraltro potenziato con la reclusione fino a sei anni al superamento di determinate soglie) viene espressamente introdotta l'ipotesi di comportamenti fraudolenti volti a configurare una situazione patrimoniale più deficitaria di quella reale al fine di aumentare l'appetibilità della proposta transattiva prospettata all'ufficio.

Italia Oggi - A. Felicioni - art. pag. 25

Unico, omissione dopo 90 giorni

Cassazione sul tempo in cui scatta il reato

Il contribuente commette il reato di omessa dichiarazione solo dopo il novantesimo giorno dall'ultima scadenza concessa dalle leggi per presentare tale dichiarazione. Tuttavia l'accusa può contestare il reato riferendosi alla prima scadenza e questo non invalida il procedimento penale.
È quanto sancito dalla Corte di cassazione che, con la sent enza n. 22045 di ieri, ha respinto il ricorso di un imprenditore che lamentava come il reato gli fosse stato contestato dalla Procura in relazione alla prima scadenza. In altri termini l'uomo sosteneva di non essersi riuscito a difendere dato l'errore fatto dall'accusa sul momento nel quale si era consumato il reato.

Italia Oggi - D. Alberici - art. pag. 24

Immobili a indicazione multipla

Dichiarazioni. Una casistica su cui si sta concentrando l'attenzione dei contribuenti. Nel quadro RW i diritti correlati ai beni detenuti all'estero

Immobili a indicazione multipla nella compilazione del quadro RW: a partire dalle dichiarazioni presentate nel 2010 saranno da indicare ai fini del monitoraggio i beni e i diritti correlati agli immobili e detenuti all'estero. Questo, naturalmente, a meno che non siano state sanate le violazioni pregresse mediante lo scudo fiscale ovvero non sia superato il limite dei 10 mila euro.
Una delle casistiche sulle quali si sta concentrando l'attenzione dei contribuenti ai fini degli adempimenti dichiarativi è l'indicazione nel quadro RW degli immobili detenuti all'estero.

Italia Oggi - D. Liburdi - art. pag. 26


Se non desideri ricevere ulteriori articoli della Rassegna Stampa/Newsletter Privacy/ArchiviOk.it
di Data Print Grafik, clicca qui per annullare la tua sottoscrizione.

Privacy
In conformità al D.Lgs. 196/2003, Testo unico della privacy sulla tutela dei dati personali, Data Print Grafik
garantisce la massima riservatezza dei dati e la possibilità di richiederne gratuitamente la rettifica
scrivendo a areanews@dataprintgrafik.it.
Potrai prendere visione dell’informativa completa nella sezione Newsletter del nostro sito www.dataprintgrafik.it

Seguici su: Facebook Twitter