Rassegna stampa del 28 giugno 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

Visualizza la scheda del software Log PrivacyXP Richiedi informazioni su Log PrivacyXP Scarica qui e compila il modulo di acquisto Log PrivacyXP  

Pronti i modelli per registrare le locazioni con i dati catastali

Case fantasma. Provvedimento del direttore dell'Agenzia

Due nuovi moduli dell'agenzia delle Entrare per combattere gli "immobili fantasma". Con il provvedimento del direttore dell'agenzia delle Entrate prot. n. 2010/83561 del 25 giugno 2010 è stato approvato il nuovo "modello 69", il modulo cartaceo che occorre compilare per registrare i contratti di locazione e affitto, munito di caselle per ospitare i dati catastali degli immobili oggetto di quei contratti. (..)
Accanto al debutto del nuovo "modello 69", nel provvedimento dell'Agenzia viene disposta anche la nascita di un nuovo modello, denominato Cdc (acronimo di "comunicazione dati catastali"), da utilizzare per la comunicazione dei dati catastali relativi a beni immobili oggetto di cessione, risoluzione e proroga di contratti di locazione avvenute dal 1° luglio 2010 in avanti.

Il Sole 24 Ore - sabato 26 giugno - A. Busani - pag. 27

Per i pagamenti arriva il rinvio al 1° gennaio 2011

Abruzzo. Comunicato Entrate-Inps

I contribuenti della regione Abruzzo colpiti dal terremoto del 6 aprile 2009 potranno effettuare i pagamenti sospesi a partire dal 1° gennaio 2011. La nuova proproga viene anticipata da un "comunicato legge" del direttore dell'agenzia delle Entrate, Attilio Befera e del presidente dell'Inps, Antonio Mastrapasqua, che comunicano l'ulteriore sospensione dei pagamenti in attesa della conversione in legge del decreto legge 78/10.

Il Sole 24 Ore - sabato 25 giugno - T. Morina - art. pag. 29

Rimborsi, rinuncia con rettifica

Commissione tributaria del Lazio indica la procedura da effettuare sulle scelte del contribuente. Strada bloccata per il nuovo credito in compensazione

Non è consentito rinunciare al rimborso Iva precedentemente richiesto e utilizzare nuovamente il credito in compensazione; tuttavia, qualora sia stata operata questa scelta, sia pure erronea, l'ufficio dovrà necessariamente emettere un avviso di rettifica, atteso che, la liquidazione con una cartella di pagamento è, invece, illegittima e deve essere annullata.
Sono queste le conclusioni emesse dalla sezione quattordicesima della Commissione tributaria regionale del Lazio, che si leggono nella sentenza n.104/14/2010, depositata in segreteria il 12 marzo scorso.

Italia Oggi - sabato 26 giugno - B. Fuoco - art. pag. 21

La trasparenza negli uffici pubblici solo con linee guida salva-privacy

Il garante Francesco Pizzetti: "L'obiettivo è metterle a punto entro la fine dell'anno"

Una "torre di avvistamento". Così Francesco Pizzetti, alla guida del garante della Privacy da cinque anni, definirà l'autorità nel corso della relazione annuale al Parlamento, che svolgerà mercoledì e che farà il punto sull'attività del 2009.
Dal proprio punto di guardia, però, l'autority getterà un'occhiata anche sul futuro, per indicare i problemi con cui la riservatezza dei dati personali si troverà a fare i conti.
E non si potrà dunque non parlare di web. Da una parte per richiamare l'attenzione sulle nuove frontiere del crimine informatico e, in particolare, sui rischi di sicurezza legati al cloud computing. Dall'altra, per avvertire che anche l'applicazione online di principi sacrosanti come la trasparenza deve trovare un contemperamento con la tutela della privacy.

Il Sole 24 Ore del lunedì - A. Cherchi - art. pag. 7

Sui compensi con bonifico conta la data di accredito

Chiarimento dell'Agenzie nella circolare 38/E

Il quadro RE di Unico, dedicato alla determinazione del reddito da parte di liberi professionisti e artisti, ruota attorno alla corretta applicazione del principio di cassa, in base al quale i compensi sono imponibili, e i costi deducibili, alla data, rispettivamente, della loro percezione e sostenimento, indipendentemente, quindi, dal periodo di “maturazione”.
Il principio in esame ha un ruolo del tutto rilevante anche con riferimento agli studi di settore dei soggetti in esame, al punto che l'attuale versione di Gerico presenta un correttivo specifico che interviene laddove la non congruità del contribuente sia stata influenzata dall'accumularsi nei ritardi di pagamento da parte della clientela.
Poiché accade spesso che determinati importi siano incassati o pagati a cavallo di fine anno, l'esatta collocazione temporale di proventi e spese assume rilevanza fondamentale.

Il Sole 24 Ore del lunedì, Norme e tributi - G. Gavelli, G. Valcarenghi - art. pag. 2

Nuove regole per prestiti e mutui

Dal 1° luglio cambia la disciplina Inpdap per il credito a dipendenti e pensionati pubblici. E chi fa il furbo sarà segnalato all'Agenzia delle entrate

Nuove regole sull'erogazione di mutui e prestiti a dipendenti e pensionati pubblici. Dal prossimo 1° luglio l'Inpdap non erogherà più piccoli prestiti quadriennali, mentre quelli triennali si fermeranno a un importo massimo di 8 mila euro.
Le domande di mutui avranno cadenze quadrimestrali (gennaio, maggio e settembre), con esclusione degli iscritti a cooperative e di chi sia già in possesso di altri immobili; una graduatoria, inoltre, decreterà la priorità di accesso.
Lo spiega l'Inpdap nella circolare n. 13/2010 illustrando i nuovi regolamenti in materia creditizia (delibere n. 166 e n. 167 del 10 marzo 2010), in vigore da giovedì prossimo, che mirano a perseguire una razionalizzazione della materia e a garantire il finanziamento alle fasce più bisognose.

Italia Oggi - sabato 26 giugno - D. Cirioli - art. pag. 31