Rassegna stampa del 23 luglio 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

IL SOFTWARE PER LA COMUNICAZIONE BLACK LIST

Fattura elettronica senza vincoli

La rivoluzione al via nel 2013, come prevede la direttiva 2010/45/Ue appena pubblicata. Semplificazione anche nelle transazioni sotto i 100 euro

Fattura elettronica senza più vincoli: l'autenticità e l'integrità del documento potranno essere attestate secondo le modalità stabilite dal soggetto, e non soltanto con la firma elettronica o con il sistema di trasmissione Edi.
Via libera alla fattura semplificata, che potrà essere utilizzata, tra l'altro, nelle transazioni di importo fino a 100 euro. Regime Iva «per cassa» per le imprese di minori dimensioni: i contribuenti con volume d'affari fino a 500 mila euro potranno contabilizzare l'imposta a debito e a credito al momento dell'incasso e del pagamento.
Questi i punti più importanti della direttiva 2010/45/Ue del 13 luglio 2010, pubblicata nella Guue n. 189 serie L del 22 luglio 2010, che annuncia per il 2013 una nuova rivoluzione in materia di fatturazione.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 24

Quadro Rw, più estesi gli obblighi

Due sentenze della Corte di cassazione definiscono un orientamento che è ormai consolidato. È soggetto chi può operare su conti riferiti ad altre persone

Obblighi di compilazione del quadro RW più estesi : soprattutto se, in via amministrativa, saranno recepite le indicazioni fornite dalla Corte di Cassazione con un orientamento che può definirsi ormai consolidato. Infatti, alla luce della interpretazione della giurisprudenza, l'obbligo di monitoraggio dovrebbe essere soddisfatto anche dalle persone fisiche che, in fatto, possono operare su conti riferiti ad altri soggetti.
Con le due sentenze n. 17051 e 17052 depositate il 21 luglio, i giudici della Cassazione hanno di fatto ribadito un orientamento, emergente sin dal 2003, in base al quale gli obblighi di monitoraggio delle attività detenute all'estero insistono non solo sui titolari ma anche su coloro che hanno la disponibilità o che movimentano le attività in questione.

Italia Oggi - D. Liburdi - art. pag. 23

Assonime, divieto di cumulo per il 55%

Imposte e tasse

Le detrazioni d'imposta del 55% non possono essere cumulate con eventuali incentivi riconosciuti per i medesimi interventi di risparmio energetico dalla Comunità europea, dalla regione o da altri enti locali. In attesa del riconoscimento di tali contributi il contribuente può avvalersi della detrazione del 55% fermo restando che, al riconoscimento degli stessi, la detrazione già utilizzata in dichiarazione dovrà essere integralmente restituita anche per la parte non coperta da contributo.
Quanto alla data di fine lavori, momento dal quale decorre il termine per l'invio della comunicazione all'Enea, la stessa deve ritenersi coincidente con il cosiddetto «collaudo» degli interventi realizzati restando invece del tutto ininfluente a tale fine il momento di effettuazione dei pagamenti tramite bonifico bancario o postale.
Sono questi alcuni dei chiarimenti contenuti nella circolare Assonime n. 26/2010 del 20 luglio scorso in tema di deduzioni, detrazioni e crediti d'imposta, predisposta dalla citata associazione a commento degli ultimi interventi di prassi amministrativa in materia.

Italia Oggi - A. Bongi - art. pag. 24