Rassegna stampa del 30 luglio 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

IL SOFTWARE PER LA COMUNICAZIONE BLACK LIST

Il decreto da 25 miliardi è legge

Manovra 2010. Via libera dalla camera al dl. Legge di conversione (122/2010) oggi in G.U. Governo impegnato ad applicare il bollo sui money transfer

La manovra da 25 miliardi di euro è legge. Con 321 sì, 270 no, e 4 astenuti l'aula della camera ha approvato ieri definitivamente il dl 78/2010 che corregge i conti italiani per il 2011 e il 2012. Sul decreto l'esecutivo ha incassato una doppia fiducia, prima al senato e poi alla camera. Con il numero 122/2010 la legge sarà pubblicata sulla G.U. n. 176 di oggi (s.o. n. 174/L).
Tra le principali novità del provvedimento, identico a quello approvato dal senato (si veda tabella), il blocco degli stipendi per i dipendenti pubblici, la riforma delle pensioni e i tagli per regioni, province e comuni. Arriva inoltre la riduzione delle retribuzioni dei manager, la stretta sull'evasione fiscale e le assicurazioni, i tagli ai ministeri e ai costi della politica. Entrano anche le norme per la libertà d'impresa, i rincari dei pedaggi autostradali e la sanatoria per oltre 2 milioni di «case-fantasma».

Italia Oggi - art. pag. 19

Venti giorni in più per il 770

Adempimenti. Il provvedimento dell'amministrazione finanziaria rinvia anche le scadenze che cadono lunedì 2 agosto

La proroga di Ferragosto cambia le scadenze in agenda dal 1° al 20 agosto. Beneficiando del differimento al 20 agosto i contribuenti che devono presentare in via telematica i modelli 770 semplificato o ordinario. Lo spostamento fino al 20 agosto riguarda anche i ravvedimenti collegati alla presentazione dei modelli 770, nonchè gli adempimenti e i versamenti con l'F24 che erano in scadenza il 2 agosto.
E' l'effetto domino del Dpcm 27 luglio 2010, che sposta al 20 agosto gli adempimenti fiscali e i pagamenti fiscali e previdenziali con il modello F24 in scadenza dal 1° al 20 agosto.

Il Sole 24 Ore - T. Morina - art. pag. 28

Da segnalare operazioni Iva oltre 3 mila euro

Manovra 2010

L'articolo 21 del dl 78/2010, definitivamente approvato ieri dal parlamento, istituisce l'obbligo di segnalazione all'agenzia delle Entrate, in via telematica, delle operazioni rilevanti ai fini Iva di ammontare pari o superiore a 3.000 euro.
Un adempimento che nei dettagli, non soltanto operativi, è però ancora tutto da scoprire: come osserva infatti il servizio studi della camera dei deputati nelle schede di lettura sulla manovra, la disposizione non precisa in cosa consistano i nuovi obblighi, demandando ad un provvedimento attuativo dell'agenzia delle Entrate di determinare «sia la tempistica sia l'ampiezza delle operazioni soggette a trasmissione».
La stessa decorrenza dell'obbligo è indefinita, anche se la relazione tecnica del decreto, imputando i primi effetti sul gettito al 2011, lascia pensare, appunto, all'anno prossimo.

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 20