Rassegna stampa del 5 agosto 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

IL SOFTWARE PER LA COMUNICAZIONE BLACK LIST

Iva e black list dal 2 novembre

Proroga in vista per il primo monitoraggio delle operazioni di luglio e agosto con i paesi sospetti. L'obbligo riguarderà anche le attività escluse per assenza della territorialità

Si precisa il quadro del censimento delle operazioni Iva che vengono realizzate nei confronti di operatori economici che risiedono in paesi black list, con un nuovo perimetro e una nuova scadenza per il primo adempimento, relativo alle operazioni di luglio e agosto, fissata al 2 novembre. Che saranno fissati in un decreto su cui si sta ultimando il lavoro dei tecnici.
Questo mentre è approdato sulla "Gazzetta Ufficiale" n. 180 di ieri, 4 agosto, l'altro decreto del ministero dell'Economia, datato 27 luglio 2010, che ha rivisto gli elenchi delle black list.

Il Sole 24 Ore - J. M. Del Bo, L. Gaiani - art. pag. 21

Banche dati condivise contro il lavoro nero

Lotta all'evasione. Protocollo tra ministero, agenzia Entrate, Inail e Inps

Condividere tutte le informazioni per rendere più efficace la lotta al sommerso e per coordinare l'attività ispettiva, come previsto dal decreto legislativo 124/04. E' questa la logica alla base del protocollo d'intesa firmato ieri dal ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, dai presidenti di Inps e Inail, rispettivamente Antonio Mastrapasqua e Marco Fabio Sartori, e dal direttore dell'agenzia delle Entrate, Attilio Befera. (..)
L'accordo prevede lo scambio dei dati in materia di attività ispettiva. Le parti, si legge nell'intesa, si fa carico dei costi che scaturiscono dall'attuazione del protocollo.
Grazie a questo accordo, che ha una durata triennale, rinnovabile, tutti i soggetti coinvolti nell'attività ispettiva si impegnano a mettere a disposizione dei "compagni di squadra" i dati contenuti nei propri archivi.

Il Sole 24 Ore - A. Carli, M. C. De Cesari - art. pag. 22

Ora la cedolare diventa conveniente

Il nuovo meccanismo si fa preferire già per i redditi fino a 15 mila euro. Con l'aliquota al 20% meglio abbandonare il regime Irpef

Cedolare secca sui canoni di locazione nella nuova misura del 20 per cento, promossa al giudizio di convenienza. L'abbassamento della misura di cinque punti percentuali rispetto alla prima versione (25%) consente al nuovo regime opzionale di farsi quasi sempre preferire rispetto al regime di tassazione Irpef che prevede l'applicazione dell'aliquota marginale sul canone annuo di locazione depurato forfettariamente del 15%.
Del resto già il confronto con l'aliquota Irpef corrispondente al primo scaglione imponibile (23% fino a 15.000 euro) depone a favore della cedolare secca sugli affitti introdotta dal decreto sul federalismo fiscale. Se si aggiunge a ciò anche il fatto che la cedolare secca sostituisce oltre l'Irpef anche le addizionali, l'imposta di registro e di bollo sul contratto, i casi di convenienza residuale del regime ordinario sono davvero ridotti al minimo.

Italia Oggi - A. Bongi - art. pag. 20

Per i pedaggi autostradali un rinvio ad aprile 2011

Consiglio dei ministri

Il governo rinvia al 30 aprile del 2011 l'applicazione dei pedaggi autostradali previsto in manovra e bocciato dal Tar. Il decreto legge sui trasporti, approvato ieri in Consiglio dei ministri, prevede che l'emanazione del Dpcm con la definizione dell'applicazione dei pedaggi dovrà essere varato entro il 30 aprile dell'anno. A copertura degli 83 milioni previsti per il 2010 si prevedono ulteriori tagli lineari ai ministeri.
Il dl reca disposizioni finanziarie urgenti per la Società Tirrenia di Navigazione e per l'accelerazione della realizzazione da parte dell'Anas del sistema di rilevazione cosiddetta «free flow» su alcuni tratti infrastrutturali in concessione.

Italia Oggi - art. pag. 21