Rassegna stampa del 14 ottobre 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

ArchiviOK Telematici

Piccoli imprenditori senza Irap

La Cassazione apre all'esclusione per coltivatori diretti, commercianti "minimi" e artigiani

Anche il piccolo imprenditore, se sprovvisto di autonoma organizzazione, può risultare non soggetto all'Irap. Ad affermarlo è la Corte di cassazione, con tre sentenze depositate ieri (le n. 21122, 21123 e 21124), in relazione all'assoggettabilità o meno al tributo regionale a un tassista, a un coltivatore diretto e a un artigiano.
La Cassazione ricorda che il fatto di dichiarare un reddito d'impresa o di lavoro autonomo è una questione che non rileva ai fini dell'Irap. Viene ricordata, del resto, l'apertura già fatta per le attività ausiliarie - indicate dall'articolo 2195 del Codice civile - come quelle di agente di commercio e di promotore finanziario (sentenze n. 12108 e 12111 del 2009), nei casi in cui per queste attività non sussista il requisito dell'organizzazione autonoma.

Il Sole 24 Ore - D. Deotto - pag. 35

Stretta sui furbi delle pensioni

Inps. L'istituto invierà 40mila lettere a chi non ha fornito i modelli Red per il 2007 e 2008. Riduzione dell'assegno nel caso di prestazioni non dovute

L'Inps stringe il cerchio sui "furbetti" delle pensioni agevolate. Con una comunicazione interna (messaggio 2575 di ieri 13 ottobre) la direzione centrale Pensioni dell'istituto annuncia che invierà delle lettere ai pensionati che non hanno restituito i modelli Red degli anni 2007 e 2008. Secondo le indicazioni fornite dall'istituto saranno circa 40mila.
Poichè non sono pervenute le dichiarazioni relative agli anni 2007 e 2008, si leggerà nella comunicazione, l'istituto ha provveduto a calcolare la pensione sulla base dei dati di reddito presenti nell'anagrafe tributaria.

Il Sole 24 Ore - A. Carli, A. Rossi - art. pag. 37

Professionisti, ritenuta a tappeto

Risoluzione dell'Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento in caso di vittoria in giudizio. Si paga il 20% sull'intera somma liquidata dal giudice

Professionisti vittoriosi in giudizio: ritenuta del 20% sull'intera somma liquidata dal giudice. Non sfuggono infatti a tale falcidia nemmeno le somme destinate alla copertura delle spese processuali. Anch'esse andranno assoggettate alla ritenuta d'acconto pur costituendo, ovviamente, costi deducibili che il lavoratore autonomo può portare in diminuzione del suo reddito.
È questo, in sintesi, il parere espresso dalle entrate nella risoluzione n.106/E pubblicata ieri in risposta ad una istanza di interpello presentata da una società soccombente in un giudizio per inadempimento contrattuale nei confronti di un notaio.

Italia Oggi - A. Bongi - art. pag. 23

La Gdf scrive agli intermediari

La Guardia di finanza sta contattando le società che hanno curato rimpatri e regolarizzazioni. Chieste informazioni sulle dichiarazioni riservate dei clienti

La Guardia di finanza avvia la campagna controlli sullo scudo fiscale. In questi giorni, secondo quanto risulta a ItaliaOggi, gli intermediari che hanno seguito le operazioni di scudo stanno ricevendo lettere da parte delle fiamme gialle che chiedono informazioni sulle dichiarazioni riservate dei propri clienti. Non essendo stata inviata la stessa missiva ai soggetti che hanno effettuato lo scudo, la replica degli intermediari è di non fornire i dati sulle dichiarazioni riservate.
E proprio la scorsa settimana l'Agenzia delle entrate con la circolare 52/2010 ha fornito ai propri uffici le indicazioni per le modalità di effettuazione dei controlli sui rimpatri.
Nella circolare si precisa che l'amministrazione finanziaria e la gdf devono prima chiedere al contribuente la dichiarazione riservata e solo se questo l'ha esibita chiedere notizie all'intermediario che altrimenti e' tenuto a non dare notizie operando lo speciale regime di riservatezza previsto dall'art. 13 del d.l. 350/01 richiamato dal dl 78/09.

Italia Oggi - M. Tozzi, C. Bartelli - art. pag. 24