Rassegna stampa del 26 ottobre 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

ArchiviOK Professionale per la conservazione sostitutiva di tutti i documenti contabili
Scarica la demo e scopri tutti i vantaggi di ArchiviOK Professionisti.


Intrastat, un giorno in più

Tempo fino a oggi per gli adempimenti Intrastat

L'Agenzia delle dogane ha reso noto ieri che a causa di problemi tecnici del servizio telematico dell'Agenzia, gli adempimenti relativi alla trasmissione degli elenchi Intrastat in scadenza il 25 ottobre 2010, si intenderanno regolarmente eseguiti anche se effettuati entro il 26 ottobre 210.

Italia Oggi - pag. 23

Black list, invio dati senza sconti

La circolare prevede le comunicazioni anche per gli operatori che chiudono transazioni con se stessi

L'obbligo di comunicazione «black list» non riguarda soltanto le operazioni Iva scambiate «con», ma anche quelle scambiate «tra» soggetti stabiliti in territori a regime fiscale privilegiato, se territorialmente rilevanti, agli effetti dell'imposta, in Italia.
Per esempio, è tenuto alla comunicazione l'operatore lussemburghese che introduce beni in un magazzino in Italia per le esigenze della propria impresa, effettuando per il tramite del rappresentate fiscale nazionale un'operazione intracomunitaria con se stesso.
Questo perché, venendo posta in essere un'operazione territoriale fra una posizione Iva nazionale (quella del rappresentante fiscale dell'impresa di Lussemburgo) e un soggetto stabilito in un paese black list (l'impresa lussemburghese stessa), si realizzano i presupposti del nuovo adempimento.
L'obbligo sussiste, inoltre, nel caso in cui il rappresentante fiscale italiano effettui un'operazione nazionale con un altro soggetto «black list» o con un rappresentante fiscale «non black list» di tale soggetto, mentre non dovrebbe sussistere, invece, qualora la controparte sia un soggetto «non black list», neppure se il rappresentato è un soggetto «black list».

Italia Oggi - F. Ricca - art. pag. 23

Una revisione a misura di pmi

I nuovi principi internazionali Isa tradotti dal Consiglio nazionale dei dottori commercialisti

Il processo di revisione, pur univoco, deve essere adattato e contestualizzato in relazione alle dimensioni ed alla complessità dell'impresa controllata.
È quanto prevedono, fra l'altro, i nuovi principi di revisione Isa, tradotti dall'apposita commissione del Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili, nei prossimi mesi al vaglio della commissione europea per la definitiva adozione.
Gli Isa sono stati pubblicati lo scorso 21 ottobre sul sito del Consiglio nazionale (area documenti consultazione e ricerca voce Isa).

Italia Oggi - L. De Angelis, F. Bava - art. pag. 19

L'ok al reverse charge non tocca i computer

Iva. La bozza Ue estende il regime ai telefonini e alla componentistica

I computer rimangono fuori dall'applicazione obbligatoria del reverse charge. Il Consiglio dei ministri economici dell'Unione europea tenutosi il 19 ottobre scorso ha autorizzato alcuni Paesi, fra cui l'Italia, a estendere il meccanismo dell'inversione contabile agli scambi di determinati beni considerati soggetti alle frodi Iva, in particolare nella forma dei "caroselli". (..)
Il reverse charge è stato invece accordato per i dispositivi a circuito integrato, ossia microprocessori e unità centrali di elaborazione prima della loro installazione nel prodotto finito, quindi anche laddove non destinati a essere assemblati in un computer, bensì utilizzati in altri apparati.

Il Sole 24 Ore - B. Santacroce - art. pag. 33

ArchiviOK Professionisti il software per la conservazione sostitutiva facile ed  intuitivoVisualizza la DEMO di ArchiviOK e scopri come è facile