Rassegna stampa del 9 novembre 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras

ArchiviOK Professionale per la conservazione sostitutiva di tutti i documenti contabili
Scarica la demo e scopri tutti i vantaggi di ArchiviOK Professionisti.


Compensazioni, l'indebito costa

Manovra 2010. Da gennaio l'operazione è vietata in presenza di una cartella insoluta per un importo di oltre 1.500 euro

Una sanzione su un'altra sanzione non si può applicare. Così come non può essere applicata una sanzione assolutamente sproporzionata. Inoltre, il nuovo divieto alla compensazione non sembra che possa trovare applicazione anche sui ruoli scaduti prima del 1° gennaio 2011.
Sono queste alcune delle "precarietà" che emergono dalle nuove disposizioni sul divieto alle compensazioni, stabilito dall'articolo 31 del decreto legge 78/2010. Divieto che parte dal 1° gennaio 2011.

Il Sole 24 Ore - D. Deotto - pag. 33

Il 770 mensile viaggia verso una nuova proroga

Incontro fra agenzia delle Entrate e categorie

Tira forte una nuova aria di proroga intorno al debutto del 770 mensile, con cui i datori di lavoro dovrebbero far conoscere ogni 30 giorni all'amministrazione finanziaria i dati sulle ritenute fiscali dei lavoratori che oggi trasmettono una volta all'anno. Il calendario ufficiale, figlio di un altro slittamento intervenuto con il milleproroghe dell'anno scorso, prevede l'avvio del nuovo strumento per il prossimo gennaio, ma il cantiere è ancora aperto, il nuovo modello non è pronto e di conseguenza non sembrano esserci i tempi per il periodo di rodaggio.
Proprio oggi è in programma un incontro fra l'agenzia delle Entrate e i tecnici delle categorie interessate, in cui sarà probabilmente proposta una nuova ipotesi di modello; l'esito dell'incontro sarà determinante per capire i tempi di applicazione effettiva, ma una proroga appare quasi inevitabile.
Lo slittamento di fine 2009, infatti, era intervenuto proprio per consentire di avviare una fase sperimentale, in cui elaborare il nuovo modello, testarlo sul campo e correggere eventuali problemi applicativi.

Il Sole 24 Ore - G. Trovati - art. pag. 38

Wi-fi, liberalizzazione a metà

Stop alla proroga del divieto. Anche se nella nuova norma mancano le abrogazioni espresse. Niente licenza del questore. Ma l'identificazione resta

Non sarà più necessaria la licenza del questore per offrire l'accesso ad internet in modalità wireless in bar, hotel ed altri esercizi commerciali. E' questo per il momento l'unico effetto della norma sul wi-fi libero inserita dal governo all'interno del ddl che, assieme a un decreto legge, compone il pacchetto sicurezza approvato venerdì scorso dal consiglio dei ministri.
La novità, che secondo il ministro dell'interno Roberto Maroni, darà finalmente impulso alla diffusione del wi-fi nel nostro paese, manda in soffitta le restrizioni del decreto Pisanu (dl n.144/2005 convertito nella legge 155/2005) approvato sulla scia emotiva degli attentati alla metropolitana di Londra del 7 luglio 2005.

Italia Oggi - G. Galli - art. pag. 23

La perizia non salva i contribuenti

Con la sentenza n. 22636 la Cassazione accoglie il ricorso dell'amministrazione finanziaria. Anche senza prove resta l'onere di pagare la maggiore Iva

La perizia disposta nel processo penale non salva il contribuente dall'accertamento fiscale fondato sui conti correnti bancari. Lo ha stabilito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 22636 dell'8 novembre 2010, ha accolto il ricorso dell'amministrazione finanziaria.
Il caso riguarda un contribuente che era finito sotto processo penale per evasione fiscale. C'erano state due perizie, una disposta d'ufficio e l'altra di parte (fatta da un consulente del cittadino).

Italia Oggi - D. Alberici - art. pag. 24

ArchiviOK Professionisti il software per la conservazione sostitutiva facile ed  intuitivoVisualizza la DEMO di ArchiviOK e scopri come è facile