Rassegna stampa del 23 novembre 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras


Pace fiscale più cara da febbraio

Legge di stabilità. Fissato un termine unificato per gli aumenti sugli atti emessi e le violazioni commesse

È il 1° febbraio 2011 la data "spartiacque" per le nuove sanzioni fiscali che, comunque, non comprendono quelle che precedono le iscrizioni a ruolo, ridotte a un terzo ovvero a due terzi. La legge di stabilità approvata alla Camera determina, al rialzo, le nuove misure delle sanzioni ridotte nell'ipotesi di accertamento con adesione, acquiescenza, conciliazione giudiziale, ravvedimento operoso e definizione delle sanzioni irrogate. Per l'accertamento con adesione, le sanzioni vengono ridotte a un terzo del minimo in luogo di un quarto del minimo.
Questa nuova misura entra in vigore per gli atti emessi dall'agenzia delle Entrate dal 1° febbraio 2011. La norma fa riferimento agli «atti definibili emessi dagli uffici dell'agenzia delle Entrate», il che escluderebbe i processi verbali di constatazione non emessi dall'Agenzia (ad esempio, quelli emessi dalla Guardia di finanza), a fronte dei quali il contribuente può presentare la formulazione della proposta di accertamento con adesione (articolo 6, comma 1 del Dlgs 218/1997).

Il Sole 24 Ore - D. Deotto - pag. 31

Debutta la sospensiva in appello

Processo tributario. Prima pronuncia di una Commissione regionale dopo la sentenza della Consulta

Ammessa la sospensione dell'esecuzione della sentenza tributaria di secondo grado a condizione che il contribuente, quando si rivolge alla commissione regionale, provi l'iscrizione del ricorso in Cassazione e la sussistenza di un danno grave e irreparabile non rimediabile per equivalente derivante dall'esecuzione.
Ad affermare questi principi è stata la Ctr di Torino con la pronuncia 4/2010, tra le prime ordinanze che applicano la recente interpretazione della Corte costituzionale in tema di sospensione.

Il Sole 24 Ore - F. Falcone, A. Iorio - pag. 31

La coop forestale acquista il fondo con catastale all'1%

I chiarimenti delle Entrate.

Le cooperative forestali possono acquistare fondi agricoli assolvendo la sola imposta catastale dell'1%, simile a quella della piccola proprietà contadina, anche senza effettuare effettivamente gli interventi di forestazione sul fondo.
Questo è il principale chiarimento della circolare 55/E diffusa ieri dall'agenzia delle Entrate che dà anche disposizioni sulla trattazione del contenzioso pendente.

Italia Oggi - G. P. Tosoni - pag. 34

Pmi, lo stato sceglie quelle sane

Il problema liquidità sotto analisi al Salone dell'imprenditore: fine degli aiuti indiscriminati

Piccole e medie imprese in difficoltà «abbandonate» dallo stato. O quasi. Gli aiuti governativi per il sostegno allo sviluppo si dirigono ormai sempre di più alle aziende cosiddette «sane», che paradossalmente avrebbero meno bisogno di agevolazioni.
La ragione? Le risorse statali sono ormai centellinate, per cui fra una piccola azienda, magari con un buona prospettiva di crescita ma non adeguatamente capitalizzata, e un'azienda con solide basi finanziarie, si preferisce senza esitazioni la seconda.
È quanto emerso nel corso del convegno «Gestire la crisi di liquidità e utilizzare gli strumenti a supporto delle aziende» che si è svolto ieri a Milano nel corso della seconda edizione del Salone dell'imprenditore organizzato da ItaliaOggi e Capital.

Italia Oggi - B. Pagamici, S. Saturno - art. pag. 21

Redditometro con adeguamento

Lo ha annunciato Attilio Befera, direttore dell'Agenzia delle entrate in un'intervista su FiscoOggi. Sarà possibile azzerare lo scostamento in dichiarazione

Agli esiti del nuovo redditometro ci si potrà adeguare. Qualora il contribuente verifichi lo scostamento fra il reddito dichiarato e quello sinteticamente accertabile dall'ufficio sulla base dei nuovi indicatori e coefficienti di spesa, sarà infatti possibile procedere alla rettifica in aumento del reddito complessivo per evitare di incappare nelle liste dei contribuenti selezionati dal fisco per l'accertamento sintetico.
Questa possibilità concessa ai contribuenti è stata annunciata nel corso di una recente intervista televisiva dal direttore dell'Agenzia delle entrate Attilio Befera.
Il nuovo software che i contribuenti potranno utilizzare per verificare la congruità del loro reddito con le spese sostenute ed il tenore di vita mantenuto, ha detto il direttore, sarà un prodotto molto coerente con la realtà e molto preciso. Se il livello di reddito dichiarato dal contribuente sarà congruo rispetto a quello misurato dal software il contribuente potrà stare assolutamente tranquillo, almeno sul fronte degli accertamenti sintetici.

Italia Oggi - A. Bongi - art. pag. 27