Rassegna stampa del 6 dicembre 2010
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

banner_privacy2009xras


Dalla fattura elettronica minori costi fino a 60 miliardi

Previsioni Abi

"La piena diffusione della fattura elettronica comporterà minori costi per il paese stimati tra 10 e 60 miliardi di euro l'anno, pari a una quota di Pil tra l'1 e il 4 per cento. Anche per questo è importante favorire la maggiore diffusione di questo strumento che, se adottato in modo capillare, può far risparmiare alla sola pubblica amministrazione circa tre miliardi di euro l'anno e altrettanto ai fornitori della Pa".
L'indicazione è arrivata ieri dal direttore generale dell'Abi, Giovanni Sabatini, aprendo la seconda giornata di lavori del convegno "Corporate banking e fattura elettroncia: i servizi a valore aggiunto per imprese e pubblica amministrazione ", organizzata da Abi con il Consorzio Cbi.
L'incontro è stato l'occasione per fare il punto sulla stato di implementazione nazionale e internazionale della fattura elettronica e sulle principali iniziative, già avviate in in Europa e in corso d'adozione anche in Italia, per supportare la dematerializzazione di processi e documenti.

Il Sole 24 Ore - sabato 4 dicembre - pag. 32

Software e banche dati per efficienza a costo zero

Giustizia. Al Salone di Rimini una serie di esperienze innovative. Aumentano le confische dei beni alle cosche

Magistrati più produttivi e con una più equa ripartizione del lavoro, antimafia più efficiente anche nel contrasto alla "zona grigia" che, per usare le parole del procuratore nazinale Piero Grasso, è la forza delle organizzazioni criminali. Tutto reso realtà, e a costo quasi zero, da un uso intelligente dell'informatica, la vera rivoluzione possibile del pianeta giustizia. Rivoluzione che il procuratore di Torino, Giancarlo Caselli, e il capo dell'antimafia nazionale hanno presentato ieri al Salone della giustizia di Rimini, svelando come il recupero di efficacia degli uffici, anche strategici, a volte può prescindere dall'iniezione di nuove risorse.
E' il caso della procura di Torino, dove la gestione dei 60 pm (e di altrettanti viceprocuratori onorari), tra turni, servizi e presenza nelle udienze, ha spiegato Caselli, è ormai affidata al software Calendar.

Il Sole 24 Ore - sabato 4 dicembre - A. Galimberti - pag. 33

Tris di novità per Unico 2011 SP

Dalle Entrate ecco le bozze dei modelli per le società di persone e gli enti non commerciali. Tremonti tessile, transfer pricing, utili nei contratti di rete

La Tremonti tessile si fa spazio nel modello Unico 2011 delle società di persone. Oltre all'agevolazione, introdotta dal dl 40/2010, spazio anche a un nuovo prospetto dedicato ad accogliere i componenti positivi e negativi relativi al c.d. transfert pricing nonché i prospetti per la gestione della sospensione d'imposta sugli utili reinvestiti dalle imprese aderenti ai contratti di rete.
Sono fra le principali novità della bozza del modello di dichiarazione dei redditi 2010 delle società di persone ed enti equiparati disponibile da ieri sul sito internet delle Entrate. Disponibili anche le istruzioni, oltre alla bozza del modello dichiarativo degli enti non commerciali ed equiparati (Enc 2011) con le relative istruzioni per la compilazione.

Italia Oggi - sabato 4 dicembre - A. Bongi - pag. 31

Spa e Srl estinte: il fisco chiede il conto ai soci

Accertamento. L'amministrazione non può più effettuare la rettifica nei confronti della compagine. Valgono i limiti del codice civile per la soddisfazione dei creditori

La cancellazione dal registro delle imprese determina l'estinzione della società, con tutte le conseguenze del caso - fiscali e non - ma anche la perdita dei poteri rappresentativi dei liquidatori e degli amministratori, che, quindi, non possono stare in giudizio, se non nei limiti stabiliti dall'articolo 2495 del codice civile. E' questo l'importante principio che deriva dall'ordinanza 21195/2010 della Cassazione.

Il Sole 24 Ore del lunedì, Norme e tributi - D. Deotto - art. pag. 3