Rassegna stampa del 1° febbraio 2011
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Iscriviti al seminario gratuito di ArchiviOK Seminario Gratuito di ArchiviOK Seminario Gratuito di ArchiviOK

Fisco e lavoro, la svolta di febbraio

Adempimenti. Dal ravvedimento all'Iva fra ieri e oggi gli operatori chiamati a fare i conti con una serie di novità e scadenze. Niente proroga per i certificati medici online: sanzioni ma «con cautela»

Legge di stabilità e riforma Brunetta nelle sue varie declinazioni hanno spostato a febbraio il «Capodanno degli adempimenti». Da quest'anno, alcune fra le novità più rilevanti per fisco e lavoro (e non solo) arrivano, infatti, nella svolta fra 31 gennaio e 1° febbraio, anche se le complicazioni tipiche dell'anno del debutto stanno producendo qualche proroga che diminuisce la perfezione del disegno.
Da oggi, per esempio, si inaspriscono le sanzioni legate ai vari strumenti di deflazione del contenzioso fiscale, dall'accertamento con adesione alla definizione agevolata e all'acquiescenza. (..)
Più articolato l'impatto della norma sui contribuenti in difficoltà con il pagamento dei tributi locali, settore in cui l'automatismo deve fare i conti con il potere regolamentare dei sindaci.
Sono scaduti ieri, invece, due termini cruciali proprio in chiave anti-sanzioni la possibilità di "giustificare" al fisco i motivi dello scostamento fra le proprie dichiarazioni e i livelli indicati da Gerico e gli eventuali errori negli elenchi clienti fornitori relativi a controparti collocate in territori blacklist.

Il Sole 24 Ore - G. Trovati - pag. 23

Tutti a Pescara i controlli automatizzati

Agenzia delle Entrate

Tutti a Pescara i controlli automatizzati. Da oggi nel Centro operativo di Pescara saranno concentrati i controlli automatizzati. Lo prevede un provvedimento del direttore delle Entrate, Attilio Befera, del 28 gennaio, pubblicato ieri sul sito dell'Agenzia.
Nel nuovo assetto del Centro di Pescara, l'ufficio «Controlli e accertamenti centralizzati» sarà articolato in due aree. Un'area svolgerà le analisi dei fenomeni evasivi ed emetterà gli accertamenti parziali realizzabili con modalità automatizzate, ai fini delle imposte sui redditi e dell'Iva.
In particolare, queste strutture avranno il potere di annullare in autotutela gli atti emessi dal Centro e di emanare, sulla base di controlli di massa automatizzati dei dati inpossesso dell'Anagrafe tributaria, gli atti di contestazione (articolo 16 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472), gli atti di recupero dei crediti d'imposta (articolo 1, comma 421, della legge 30 dicembre 2004, n. 311), e gli avvisi di liquidazione per decadenza dalle agevolazioni in materia di imposte di registro, ipotecaria e catastale, sulle successioni e donazioni.
La seconda area dell'ufficio «Controlli e accertamenti centralizzati» invece sarà chiamata a gestire i crediti d'imposta In particolare, realizzando analisi dei fenomeni evasivi e i controlli in materia di crediti d'imposta previsti da leggi speciali.

Il Sole 24 Ore - art. pag. 25

Telemarketing, rivoluzione al via

In G.U. il provvedimento del Garante privacy per l'entrata in vigore (da oggi) delle nuove regole. Solo gli iscritti nel registro delle opposizioni saranno al riparo

Parte oggi il registro delle opposizioni. Che ha due facce. Quella per gli operatori, i quali prima di fare una campagna di marketing telefonica devono far ripulire l'elenco dal gestore del servizio (Fondazione Ugo Bordoni), sostenendo costi non trascurabili; e quella degli utenti telefonici che devono iscriversi nel registro per tenere lontani gli operatori.
Sono stati rispettati i termini previsti dal dpr 178/2010, che è andato a sostituire la precedente regolamentazione sull'uso degli elenchi telefonici. Le istruzioni operative sono a disposizione, dunque, sul sito www.registrodelleopposizioni.it.
E il Garante della privacy ha detto la sua con il provvedimento n. 16 del 19 gennaio 2011, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di ieri 31 gennaio 2011, con il quale sono state impartite prescrizioni per il trattamento di dati personali per finalità di marketing, mediante l'impiego del telefono con operatore, a seguito dell'istituzione del registro pubblico delle opposizioni.

Italia Oggi - A. Ciccia - art. pag. 20

Benzina, confronti online

Entra in vigore da oggi il decreto ministeriale: adempimenti per i gestori. Obbligo settimanale di comunicazione dei prezzi

Da oggi sarà possibile confrontare i prezzi della benzina praticati dai distributori. Entra infatti in vigore il decreto ministeriale 15 ottobre 2010, pubblicato sulla G.U. del 26 novembre 2010, n. 277, in attuazione dell'articolo 51 della legge 23 luglio 2009, n. 99, recante «Misure per la conoscibilità dei prezzi dei carburanti», che impone al gestore dell'impianto l'obbligo di comunicare online i prezzi di vendita praticati al pubblico per ciascuna tipologia di carburante erogato.
Il gestore dovrà effettuare comunicazioni con cadenza almeno settimanale anche in assenza di variazioni di prezzo in aumento, entro l'ottavo giorno dall'ultima comunicazione, ovvero in ogni caso di variazioni di prezzo. Resta invece a discrezione del gestore comunicare variazioni infrasettimanali in diminuzione.
L'obbligo riguarderà inizialmente i gestori delle aree di servizio autostradali e sarà successivamente e gradualmente esteso a tutti gli altri gestori. I dati dovranno essere trasmessi al ministero dello sviluppo economico che provvederà a pubblicarli sul proprio sito istituzionale (www.osservaprezzi.it) e pertanto saranno resi immediatamente fruibili a tutti.

Italia Oggi - A. De Cicco - art. pag. 21

In Rassegna stampa il nuovo servizio Data Print Grafik:
AGENDA FISCALE
Ogni giorno un pratico scadenzario degli adempimenti fiscali del mese