Rassegna stampa dell'11 febbraio 2011
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Iscriviti al seminario gratuito di ArchiviOK Seminario Gratuito di ArchiviOK Seminario Gratuito di ArchiviOK

Appalti con responsabilità breve

Lavoro. Le indicazioni del ministero per il recupro da appaltatore e committente delle somme non pagate

Il termine di decadenza di due anni entro cui azionare la responsabilità solidale negli appalti riguarda anche gli istituti previdenziali e non solo i lavoratori creditori. La responsabilità solidale riguarda tutti i lavoratori dipendenti e autonomi utilizzati negli appalti o subappalti; mentre, per quanto riguarda le ritenute fiscali essa è limitata ai soli lavoratori dipendenti.
Sono alcune delle novità contenute nella circolare firmata dal ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, che costituisce un vero è proprio vademecum per una corretta gestione di appalti e subappalti. Secondo il ministero del Lavoro, un aspetto fondamentale per qualificare un appalto come genuino è l'accertamento su chi, concretamente, esercita il potere organizzativo e direttivo nei confronti dei lavoratori utilizzati.
Infatti, in queste ipotesi, è determinante che tale potere sia esercitato dal datore di lavoro appaltante e non dall'appaltatore.

Il Sole 24 Ore - E. De Fusco - pag. 29

Ora il Milleproroghe cambia rotta

Nuovo destino per conciliazione e ricorsi sui licenziamenti

Sulla media-conciliazione e sui ricorsi per i licenziamenti dei precari il governo va per la sua strada. E, malgrado le commissioni affari costituzionali e bilancio del senato abbiano approvato emendamenti per protrarre di un anno l'avvio di entrambe le misure, i ministeri di giustizia e welfare presenteranno nel maxiemendamento al decreto milleproroghe due norme in aperto in contrasto con le decisioni parlamentari.
Per ciò che riguarda lo strumento conciliatorio per le controversie civili (la cui entrata in vigore è prevista per il 22 marzo, ndr), il dicastero di via Arenula vuole far slittare l'obbligatorietà soltanto per le liti di condominio e per quelle stradali, mentre Maurizio Sacconi intende cancellare l'intervento dei senatori, che ha riaperto i termini per l'impugnazione dei licenziamenti, la cui soglia limite è fissata dalla legge 183/10, il cosiddetto collegato lavoro, al 23 gennaio. (..)
Passa la proposta di destinare 15 milioni in più al Fus (Fondo unico per lo spettacolo) e viene riconosciuto un finanziamento di 3 milioni sia all'Arena di Verona, sia alla Scala di Milano. Il governo, invece, propone di aumentare di un euro il prezzo del biglietto del cinema dal 1° luglio 2011 al 31 dicembre 2013.

Italia Oggi - S. D'Alessio - pag. 21

Studi di settore previdenziali, arrivano le verifiche

L'Inps ha elaborato le situazioni ad alta probabilità di non congruità sia formale che sostanziale

Arrivano i primi accertamenti dagli studi di settore previdenziali. Infatti, dai controlli sui conguagli delle indennità di malattia (modelli Dm/10), l'Inps ha elaborato le situazioni ad alta probabilità di «non congruità formale» (errori nei conguagli) e «non congruità sostanziale» (scompenso tra attività produttiva e giornate di malattia), attraverso cui ha individuato un primo lotto di aziende da visitare entro il prossimo 31 marzo. Sono aziende con dimensione compresa tra 3 e 10 dipendenti e che non hanno mai chiesto visite di controllo ai propri dipendenti.
Ad annunciare la prima applicazione della nuova metodologia di controllo, a un anno dalla previsione (circolare n. 23/2010), è lo stesso Inps nella circolare n. 33 di ieri.

Italia Oggi - D. Cirioli - art. pag. 21

Fisco, una spinta dalle adesioni

Attilio Befera, direttore dell'Agenzia delle entrate, fornisce i numeri del recupero 2010. Cresce del 18% il gettito dovuto dai versamenti diretti

Le adesioni dei contribuenti rappresentano quasi i due terzi del recupero dell'evasione. Il gettito degli istituti deflattivi nell'anno 2010 rappresenta infatti il 63% circa del totale recuperato dalle Entrate. Sui 10,5 miliardi di euro recuperati dall'Agenzia delle entrate ben 6,6 miliardi di euro sono costituiti dai pagamenti spontanei effettuati dai contribuenti per chiudere le liti potenziali con il fisco. Rispetto all'anno 2009 il ricorso agli istituti deflattivi segna un incremento percentuale del 18% che in termini assoluti rappresenta esattamente un miliardo di euro in più.
Fra gli istituti definitori più gettonati il comunicato stampa diffuso ieri dall'agenzia delle Entrate durante la conferenza congiunta con L'inps ed Equitalia, individua l'accertamento con adesione, l'acquiescenza del contribuente all'accertamento, la conciliazione giudiziale e, soprattutto, i pagamenti effettuati dai contribuenti a seguito della ricezione delle comunicazioni di irregolarità relative alle dichiarazioni dei redditi.

Italia Oggi - A. Bongi - pag. 25

Inps, ricorsi online

Dall'ente di previdenza una circolare con le istruzioni. Dal 21 si attiva il canale telematico

A partire da lunedì 21 febbraio, i ricorsi amministrativi all'Inps si potranno presentare anche per via telematica oltre che nella modalità cartacea. E così fino al 21 aprile. Dal 22 aprile, invece, il canale telematico diventerà esclusivo. L'invio online, in particolare, è possibile effettuarlo direttamente dall'interessato (cittadino dotato di Pin) o tramite un intermediario abilitato (patronati, professionisti e consulenti del lavoro ecc.).
Lo ha stabilito l'Inps nella circolare n. 32 di ieri. Prosegue, dunque, il processo di digitalizzazione della pubblica amministrazione. Stavolta è la volta dei ricorsi amministrativi da presentare all'Inps che l'istituto previdenziale, con gradualità, sposta completamente sulla piattaforma telematica.

Italia Oggi - D. Cirioli - pag. 27

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO
Chiediamo il vostro parere per sapere cosa ne pensate del servizio di Rassegna Stampa.
Si tratta di poche domande che vi porteranno via poco tempo.
Vi ringraziamo sin d’ora per la preziosa collaborazione.

Per compilare il Questionario cliccate qui
AGENDA FISCALE
Il nuovo servizio Data Print Grafik.
Ogni giorno un pratico scadenzario degli adempimenti fiscali del mese.
Per visualizzarla clicca qui