Rassegna stampa del 4 aprile 2011
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

PrivacyXP  

Nei Comuni 6 miliardi al buio

Nei Comuni 6 miliardi al buio. Gli aiuti saranno sostituiti da compartecipazioni ma cambierà la distribuzione territoriale

Sui bilanci comunali il federalismo solleva un'altra incognita, da 6 miliardi di euro: si tratta dei trasferimenti regionali, correnti e in conto capitale, che dal 2013 dovranno cedere il passo a una compartecipazione ai tributi dei governatori, addizionale Irpef in primis.
Il meccanismo è contenuto nel decreto sul fisco regionale approvato giovedì scorso dal Consiglio dei ministri, ma è vitale per i sindaci, che infatti hanno rivendicato un ruolo di primo piano anche su questo aspetto.
Spetterà ad ogni Regione a statuto ordinario individuare l'ammontare dei trasferimenti regionali fiscalizzati che hanno «carattere di generalità e permanenza», escludendo quelli sulle rate di ammortamento dei mutui contratti dagli enti locali.

Il Sole 24 Ore del lunedì - 4 aprile 2011 - P. Ruffini - pag. 11

     

Una email per chiudere l'acquisto

Contenuti e clausole degli accordi tipo raccolti nella banca online gratuita di Unioncamere. Contratto via web perfezionato se c'è la pagina di conferma

Il contratto di acquisto online di beni di consumo non si considera perfezionato se il fornitore non ha provveduto ad inviare una email di conferma. Ma per chiudere l'accordo al posto della email è sufficiente la visualizzazione di una pagina web di conferma e riepilogo dell'ordine che deve indicare i tempi della consegna e l'esistenza del diritto di recesso.
Questo è quanto prevede uno dei 30 contratti tipo messi a punto da Unioncamere e raccolti, con 6 pareri sulle clausole inique e 3 codici di etica commerciale, in una banca-dati nazionale on-line liberamente consultabile all'indirizzo www.contratti-tipo.camcom.it.
L'iniziativa alla quale hanno collaborato l'Antitrust, le associazioni dei consumatori e delle imprese, e alcuni ordini professionali, dà corpo alle competenze stabilite dalla legge di riforma del sistema camerale nazionale del marzo 2010.

Italia Oggi - sabato 2 aprile 2011 - A. Irrera - pag. 25

La proprietà di due case non legittima l'accertamento

Sentenza della Cassazione

È illegittimo l'accertamento fiscale basato sul fatto che il contribuente è proprietario di due case. Soprattutto quando uno degli immobili è stato acquistato tanti anni prima e l'altro è stato ereditato. È quanto di evince dalla sentenza 7408 depositata ieri dalla Cassazione che respinge il ricorso del fisco.
Una coppia di coniugi aveva ricevuto un accertamento della maggior Irpef basato, oltrchè sul possesso di due auto, anche sulla proprietà di un appartamento e una villetta. Il primo era stato acquistato negli anni '70 e l'altro era stato ereditato. Contro l'atto impositivo i due avevano presentato ricorso alla Ctp di Milano che aveva respinto. Poi la ctr aveva ribaltato il verdetto contro il quale l'amministrazione finanziaria ha presentato ricorso in Cassazione ma senza successo.

Italia Oggi - sabato 2 aprile 2011 - D.Alberici - pag. 26

L'elusione ferma il transfer pricing

La Corte di cassazione riconosce l' abuso di diritto bloccando le operazioni commerciali. Non è ammesso il passaggio di beni con sconti alle collegate

L'elusione fiscale stoppa il transfer pricing. Le aziende italiane non possono infatti trasferire alle collegate all'estero beni con sconti particolari, non previsti nei listini e nelle tariffe normalmente praticati.
Lo ha sancito la Suprema corte che, con la sentenza n. 7343 del 1° aprile 2011, ha accolto il ricorso del fisco. La vicenda riguarda una grande azienda milanese che ha ceduto beni a consociate estere «a prezzi inferiori a quelli applicati a società terze indipendenti». Dopo una verifica della Guardia di finanza, questa operazione era stata contestata dall'ufficio meneghino e bollata come elusiva. Per questo era scattato un milionario recupero a tassazione.

Italia Oggi - sabato 2 aprile 2011 - D. Alberici - pag. 27

Fabbricati con nuovi valori Ici

Pubblicato in G.U. il decreto per gli immobili delle imprese sforniti di rendita catastale. Fissati i coefficienti per i calcoli sui beni nel gruppo D

Sono pronti i coefficienti da applicare per l'anno 2011 per la determinazione dell'Ici per i fabbricati classificabili nel gruppo D, appartenenti ad imprese e sforniti di rendita catastale.
È stato, infatti, approvato il decreto del 14/3/2011 predisposto dalla Direzione federalismo fiscale del Dipartimento delle finanze del Ministero dell'economia e delle finanze, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 75 del 1° aprile 2011, con il quale sono stati approvati i coefficienti necessari per determinare l'Ici per gli immobili che:
- non sono iscritti in catasto;
- sono classificabili nel gruppo D;
- appartengono ad imprese;
- sono distintamente contabilizzati;
- sono sforniti di rendita catastale.

Italia Oggi - sabato 2 aprile 2011 - I. Rocci - pag. 29

Cedolare in vigore ma senza regole

La cedolare secca sulle locazioni abitative è ferma ai box. La disciplina è già in vigore ma di fatto è inapplicabile.

La nuova imposta sostitutiva del 21 o del 19% sulle locazioni di immobili ad uso abitativo decorre dall'anno 2011 ma per adesso nessun locatore ha potuto validamente effettuare alcuna opzione per la scelta del nuovo regime. Mancano infatti i provvedimenti attuativi previsti dall'articolo 3 del dlgs n. 23 del 14 marzo 2011 che dovranno stabilire, tra le altre, le modalità per l'esercizio dell'opzione per la nuova tassazione sostitutiva e per il versamento in acconto della cedolare secca dovuta, nella misura dell'85%, per l'anno attualmente in corso.
Tecnicamente il provvedimento del direttore dell'agenzia delle entrate che dovrà disporre in merito dovrà essere emanato «entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore del presente provvedimento» recita il terzo comma dell'articolo 3 del decreto sopra citato.
Poiché il provvedimento entrerà in vigore il 7 aprile prossimo, solo a partire da tale data inizieranno a decorrere i novanta giorni per l'emanazione del provvedimento direttoriale attuativo.

Italia Oggi Sette - 4 aprile 2011 - pag. 3

AGENDA FISCALE
Il nuovo servizio Data Print Grafik.
Ogni giorno un pratico scadenzario degli adempimenti fiscali del mese.
Per visualizzarla clicca qui