Rassegna stampa del 3 giugno 2011
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Visualizza la scheda del software Log PrivacyXP Richiedi informazioni su Log PrivacyXP Scarica qui e compila il modulo di acquisto Log PrivacyXP

Cedolare al primo appello

Affitti. Entro lunedì la scelta con l'invio del modello telematico Siria o con la consegna a mano del prospetto «69»
Il termine vale per i contratti in scadenza e per le locazioni in nero

Doppia scadenza al 6 giugno prossimo.
Oltre all'esercizio dell'opzione per la cedolare per alcune categorie di contratti di locazione, entro il medesimo termine devono essere registratii contratti in nero, se sivogliono evitare le pesanti penalizzazioni previste per la registrazione in ritardo, volontaria o d'ufficio.
L'opzione del 6 giugno riguarda, peraltro, unicamente i soggetti per i quali i termini di registrazione del contratto ovvero della proroga anche tacita dello stesso scadono nel periodo tra il 7 aprile e il 6 giugno 2011. Al contrario, coloro i quali si trovino in un'annualità intermedia del contratto o, alla data del 7 aprile scorso, abbiano già effettuato la prima registrazione del contratto o la proroga dello stesso nel 2011, non devono presentare alcun modello.
Questi si limiteranno a pagare gli acconti di cedolare (entro il 16 luglio) e a confermare l'opzione in sede di dichiarazione 2012 per il 2011.
I soggetti che devono ancora registrare i contratti di locazione dovranno pertanto inviare il modello Siria in via telematica alle Entrate e non verseranno alcuna imposta di registro.
In alternativa, è sempre possibile utilizzare il modello 69 da consegnarsi su supporto cartaceo.

Il Sole 24 Ore - 3 giugno 2011 - L. Lovecchio - pag. 25

Con Gerico test di congruità

Studi di settore. Pubblicata sul sito delle Entrate la versione beta del software per il controllo di compensi e ricavi 2010
Necessario attendere la nota metodologica per i correttivi anticrisi

L'agenzia delle Entrate toglie i veli da Gerico 2011.
È stata infatti pubblicata, sul sito delle Entrate, la "versione beta" del software che i contribuenti potranno utilizzare per testare la propria posizione di congruità rispetto alla ricostruzione statistica messa a punto dalla Sose.
Si tratta -va ricordato- solo di una versione sperimentale che non ha valore per la compilazione delle dichiarazioni.
Ciò significa che è necessario attendere la pubblicazione della nota metodologica che sancirà l'ufficializzazione dei correttivi anticrisi e che potranno esserci delle ulteriori sistemazioni per rimuovere eventuali anomalie (ogni anno, peraltro, il prodotto trova mediamente quattro evoluzioni).
Il varo del prodotto, comunque, era atteso, dato che nel 2010, a parità di proroga del termine di versamento, il 27 maggio si disponeva già della prima versione definitiva.
Da una prima analisi, si notano alcune lievi modifiche di forma. Ad esempio, un bottone del menù consente il conteggio diretto della riduzione per l'impiego di apprendisti.
Dal punto di vista della trasparenza, i conteggi forniscono l'indicazione del risultato puntuale e di quello minimo ammissibile, anche in ipotesi di posizione congrua, diversamente da quanto accadeva fino allo scorso anno. Nei prospetti, inoltre, si evincono le modifiche non ancora indicate nei modelli (che sono rimasti in bozza), specialmente riguardo le informazioni per l'applicazione dei correttivi anticrisi. Specifiche indicazioni riguardano possibili casi di anomalia, quali la presenza di beni sottratti o distrutti e dibeni di costo non superiore a 51646 euro. Sono anche presenti caselle da barrare nelle nuove ipotesi in cui, per il solo tono, il risultato di non congruità non può essere utilizzato ai fini accertativi (cooperative a mutualità prevalente, soggetti Ias, consorzi garanzia collettiva fidi, bancoposta).

Il sole 24 ore - 3 giugno 2011 - G. P. Ranocchi, G. Valcarenghi - pag. 26

Anche il turista finisce nella rete dello spesometro

Lotta all'evasione. La circolare 24/E

Nonostante la circolare 24/E volta a mitigare l'adempimento della nuova comunica-zioneIva, l'operazione "spesometro" presenta molte criticità, che possono fare rimpiangere i vecchi elenchi clienti e fornitori.
Le finalità erano contrastare le frodi e monitorare le spese per l'accertamento sintetico.
Quest'ultima opzione staviavia scemando, visto che, in un primo momento, è stato annunciato che si volevano includere solo le operazioni in contanti (da 3.600 euro in su) e poi è stato emanato il decreto legge sviluppo che ha escluso dall'obbligo solo le operazioni "pagate" con carte di credito, di debito e pre-pagate.
Non sono stati previsti esoneri invece - e questo è una prima incongruenza - per i pagamenti con assegni e bonifici, che risultano già "tracciati".
Tra le varie anomalie, non si comprende il senso di comunicare i dati degli "stranieri" che effettuano acquisti, come privati cittadini, in Italia.
Si pensi a una gioielleria di Roma o di Milano, in cui si reca un turista straniero che acquista un prezioso di 4mila euro.
In questo caso, la gioielleria dovrà poi comunicare alle Entrate (per le cessioni dal i luglio) cognome, nome, luogo, data di nascita e domicilio all'estero del turista.
Ma sfugge il senso di ciò, visto che la persona fisica estera è esclusa dall'accertamento sintetico.

Il sole 24 ore - 3 giugno 2011 - D. Deotto - pag. 26

Strumenti finanziari senza doppie deduzioni

Contabilità. Il decreto Ias chiarisce la rilevanza fiscale delle entità riclassificate
Novità anche per costruttori e gestori di opere pubbliche

Le imprese che redigono il bilancio in base ai principi contabili internazionali (Ias/Ifrs) hanno qualche certezza fiscale in più, anche a costo di alcune rinunce.
È l'effetto del decreto dell'Economia (si veda Il Sole 24 Ore di ieri), emanato in base al milleproroghe.
Il decreto tiene conto delle novità, più o meno attese, in base alle modifiche apportate da alcuni regolamenti Ias tra il 2009 e il 2010.
Conto economico
Riguarda quasi tutte le imprese las adopter la rilevanza fiscale dei componenti reddituali imputati direttamente nella "nuova" sezione del conto economico complessivo, denominata other comprehensive income (Oci), non richiamata dal Tuir.
Invece, se la rilevanza fiscale è prevista da specifiche disposizioni del Tuir è l'imputazione ad Oci a perdere la propria, come avviene per i titoli obbligazionari immobilizzati, fiscalmente rilevanti solo al momento dell'imputazione a conto economico (articolo no, comma 1-bis, lettera a del Tuir).
Ai fini Irap i componenti imputati ad Oci rilevano al momento del "riciclo" a conto economico, se previsto e, in assenza di tale previsione, secondo le disposizioni Irap.

Il sole 24 ore - 3 giugno 2011 - F. R. Vitali - pag. 29