Rassegna stampa del 14 novembre 2011
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Visualizza la scheda del software Log PrivacyXP Richiedi informazioni su Log PrivacyXP Scarica qui e compila il modulo di acquisto Log PrivacyXP

La tracciabilità archivia l'obbligo delle scritture

Basteranno soltanto gli estratti conto bancari

Via libera all'eliminazione, almeno formale, della tenuta delle scritture contabili per le ditte individuali e le società di persone in contabilità semplificata, oltre che per tutti i professionisti.
Sono queste le conseguenze dell'approvazione della legge di stabilità 2012, la quale prevede che questi soggetti possano «sostituire gli estratti conto bancari alla tenuta delle scritture contabili», se «effettuano operazioni con incassi e pagamenti interamente tracciabili», cioè attraverso bonifici, assegni, Ri.ba. (ricevuta bancaria), carte di credito, prepagate o di debito (bancomat), o con altri strumenti idonei a consentire la piena tracciabilità delle operazioni (articolo 4, comma 10).
La finalità di questa nuova agevolazione è azzerare l'utilizzo del contante, sia per gli incassi che per i pagamenti, consentendo al contribuente, in cambio, di essere esonerato dalle formalità delle registrazioni contabili nei registri Iva e dei corrispettivi, oltre che, per i lavoratori autonomi che hanno optato per la contabilità ordinaria, del registro cronologico dei componenti di reddito e delle movimentazioni finanziarie.
Ciò vale anche per il libro dei beni ammortizzabili, la cui tenuta è già facoltativa in base all'articolo 16 del Dpr 435/2001.
Adottando la nuova agevolazione, quindi, non sono più applicabili le sanzioni per l'omessa o l'irregolare tenuta della contabilità. Chi ha limitati movimenti potrebbe anche ipotizzare di calcolare, ad esempio, il reddito imponibile Irpef, facendo la semplice differenza tra entrate e uscite dell'estratto conto, al netto dei prelevamenti per motivi personali.
Va tenuto presente, però, che non è stato eliminato alcun altro adempimento fiscale e non è stata modificata nessuna altra norma relativa alla determinazione delle imposte che colpiscono i contribuenti interessati alla semplificazione (Iva, Irpef,addizionali, contributi, Irap).

Il sole 24 ore - 14 novembre 2011 - L. De Stefani - pag. 3

Niente compenso per gli F24 via Entratel

Stop al riconoscimento dallo Stato. Dal prossimo anno non sarà più corrisposta la somma di 1,03 euro agli intermediari

Dal prossimo anno, i consulenti che invieranno tramite Entratel i modelli F24 dei propri clienti, non potranno più ottenere dallo Stato il compenso di 1,03 euro per ogni delega trasmessa.
Anche per la presentazione telematica delle dichiarazioni, poi, è stato eliminato il compenso a carico dello Stato, mentre per i modelli 730 trasmessi dai Caf e dagli altri intermediari abilitati ci sarà una riduzione da 16,29 euro a 14 euro per singola dichiarazione raccolta ed inviata.
Caf e professionisti abilitati
La legge di stabilità 2011, prevede che per le attività di assistenza fiscale ai dipendenti e ai pensionati, il compenso che lo Stato eroga ai Caf-dipendenti, ai consulenti del lavoro, ai dottori commercialisti, agli esperti contabili e ai loro studi associati, sarà ridotto dal prossimo anno da 16,29 euro a 14 euro, per ciascun modello 730 elaborato e trasmesso, ed a 32,58 euro a 26 euro, peri modelli congiunti (articolo 38, comma 1, del Dlgs n. 241/1997).
La nuova misura del compenso si applica per le attività svolte «dall'anno 2012», quindi, a partire dalle elaborazioni e trasmissioni dei modelli 730/2012 (relativi ai redditi 2011).
La legge di stabilità 2012 ha stabilito anche di non bloccare gli adeguamenti Istat previsti dall'articolo 38, comma 3, del Dlgs n. 241/1997, «per le attività svolte negli anni 2011, 2012 e 2013», quindi, il compenso di 14 euro (26 euro per la congiunta), si applicherà anche per l'attività di assistenza fiscale che verrà svolta nel 2013 (modello 730/2013).
La nuova misura del compenso va a sostituire quella di 16,29 euro (32,58 euro per la congiunta), prevista, dopo l'ultimo adeguamento Istat (decreto 14 giugno 20u), per le attività prestate nel 2010 (modello 730/2010).
Anche alle attività di assistenza fiscale effettuate nel 2011 (modello 730/2011), si dovrà utilizzare questo importo, senza alcun adeguamento Istat.
Dal 2012, il compenso per il controllo e l'invio dei modelli 730 congiunti non sarà più determinato in misura doppia rispetto a quelli individuali.

Il sole 24 ore - 14 novembre 2011 - pag. 3

Redditometro, oneri figurativi esclusi

 
Ctp Bari: calcolo basato sull'effettivo

È il reddito effettivo e non quello figurativo che assume rilievo ai fini del redditometro.
Lo ha stabilito la Commissione tributaria provinciale di Bari con l'interessante sentenza 7 ottobre 2011 n. 201 resa dalla sezione 21.
La sentenza.
La sentenza barese affronta in modo assai sbrigativo una problematica di estrema rilevanza pratica, consistente nel valutare se e in che misura possa incidere nel calcolo la quota di oneri figurativi che hanno in concreto concorso ad elevare il reddito complessivo dichiarato dal contribuente.
La risposta dei giudici è positiva e dunque favorevole al contribuente: la sentenza, infatti, seppure in modo estremamente stringato osserva che se il reddito risente di costi dedotti che «non sono di natura monetaria ... Le potenzialità finanziarie dell'imprenditore sono maggiori di quelle desunte dal reddito imponibile».
Si tratta di un principio interessante ma che, senza dubbio, apre un fronte di calcoli che potrebbero rivelarsi assai complessi, e non necessariamente favorevoli al contribuente: è infatti verosimile che questi, nell'anno «n» abbia ad esempio spesato 10 a titolo di quote di ammortamento ma abbia al contempo pagato fatture per 15 spesate però per competenza nell'anno «n - 1».

Italia oggi - 14 novembre 2011 - M. Tasini - pag. 27

Liti pendenti verso il rush finale

Modalità e tempistica della procedura di sanatoria. Guida al calcolo degli importi corretti.
Pagamento al 30/11, istanza di definizione fino al 2/4/2012

Liti pendenti in dirittura d'arrivo. Pagamento al 30 novembre, istanza i definizione fino al 2 aprile, ma con il consiglio di immediata effettuazione.
La chiusura agevolata delle liti di modesta entità è ormai agli sgoccioli.
In attesa di sapere se giungerà l'atteso allargamento del valore delle liti ammesse alla definizione, è bene fare il punto della situazione sulla procedura attualmente prevista. In primo luogo si rammenta che le liti pendenti sono quelle oggettivamente tali alla data del 1 maggio 2011.
La novità rispetto al passato, però, è che non rientrano nelle liti definibili le controversie che, ancorché pendenti alla predetta data, sono poi divenute definitive entro la data del 5 luglio 2011, ossia prima dell'entrata in vigore del dl 98/11, il quale dal 6 luglio in poi ha sospeso tutti i termini processuali.
In pratica, se una lite era pendente al 1° maggio perché magari ancora non erano conclusi i termini di impugnazione (si pensi alla proposizione dell'appello), scaduti successivamente al 20 giugno con passaggio in giudicato della sentenza, la definizione non è ammessa.
Viceversa, se i predetti termini erano ancora «aperti» alla data del 6 luglio (si immagini che mancassero ancora 20 giorni per l'impugnazione), sono sospesi fino al 30 giugno 2012 e riprenderanno a decorrere dal prossimo 1 luglio 2012, con relativa definibilità della lite.
Sul punto è chiara l'amministrazione finanziaria nella circolare n. 48 del 2011 e tale conclusione è dovuta al silenzio del legislatore su una fattispecie così delicata, laddove nel passato era, di contro, esplicitamente prevista la possibilità di chiusura.
Individuata la lite definibile, bisogna procedere al calcolo dell'importo dovuto.
Al riguardo le complicazioni sono dovute a situazioni di rettifiche di perdite, al calcolo delle imposte virtuali, a decisioni parziali e all'eventuale scomputo di importi già versati a Equitalia.
Per quanto concerne le perdite, la circolare n. 48 del 2011 da un lato effettua un'importante apertura e dall'altro rischia di creare confusione.

Italia oggi - 14 ottobre 2011 - M. Tozzi - pag. 14