Rassegna stampa del 7 febbraio 2012
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Ci scusiamo per la discontinuità del servizio di rassegna stampa
ma a causa del maltempo, che continua a imperversare sulla
nostra zona, potrebbero esserci ulteriori disservizi
per l'irraggiungibilità degli uffici stessi.
PrivacyXP

Redditometro, rischio Unico 2011

 
Senza l'applicativo i contribuenti non potranno prevedere adeguamenti in dichiarazione.
In assenza del software di autodiagnosi impossibile il test

I ritardi del nuo vo redditometro mettono a rischio anche i redditi del 2011. In assenza dell'applicativo software in tempo utile per le scadenze di pagamento delle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche sarà infatti impossibile testare, per il terzo periodo d'imposta consecutivo, la tenuta fra redditi dichiarati e redditi sinteticamente accertabili.
Sarà anche impossibile prevedere adeguamenti in dichiarazione per eventuali scostamenti far redditi dichiarati e redditi sintetici perché i modelli 2012 non prevedono nuovi spazi utili a tale operazione.
Il rischio che i conti del 2011 rimangano al buio, almeno per quanto attiene alla verifica con il nuovo redditometro nasce da tutta una serie di considerazioni.

Italia oggi - 37 febbraio 2012 - A. Bongi - pag. 26

Per il libro unico vale la sostanza

 
Lavoro. Nel Dl semplificazioni si chiarisce che l'infedele registrazione presuppone un comportamento fraudolento.
Non basta la semplice difformità rispetto a disposizioni di leggi e contratti


Semplificate alcune normen in materia di lavoro.
Si interviene sulla disciplina solidale negli appalti (articolo 29, comma 2, decreto legislativo 276/2003). A tutela dei lavoratori interessati è previsto che quando si stipula un contratto di appalto di opere o di servizi, se l'appaltatore o gli eventuali subappaltatori non erogano le retribuzioni ai lavoratori oppure non versano i contributi e i premi assicurativi, deve intervenire il committente imprenditore o datore di lavoro e pagare di tasca propria.
La responsabilità solidale opera per due anni dalla fine dell'appalto e si riferisce a quanto dovuto nwlla durata dello stesso con esclusione delle sanzioni civili, di cui ora risponderà solo il responsabilie dell'inadempimento.

Il sole 24 ore - 7 febbraio 2012 - G. Cannioto, G. Maccarone - pag. 29