Rassegna stampa del 22 marzo 2012
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Riciclaggio, attacco mirato

Lotta al denaro sporco. Circolare delle Fiamme gialle con le linee guida da seguire per le ispezioni nel 2012.
Predisposta una check-list per selezionare i soggetti più a rischio

Check-list antiriciclaggio, database allineati ai sistemi di segnalazione della Banca d'Italia, contrasto al traffico di capitali da e verso l'estero a braccetto cola lotta all'evasione fiscale.
Sono le tre linee d'azione su cui si muoverà la Guardia di finanza nel 2012 per la tutela del mercato dei capitali. Le linee d'azione dettate dal Comando Generale sono contenute in una circolare operativa di quattro volumi diramata ieri a tutti i comandi regionali.
Un vero e proprio "manuale operativo", su cui gli esperti delle Fiamme Gialle hanno lavorato per due anni e che contiene, tra l'altro, anche le indicazioni per le verifiche sul market abuse e i reati sulla responsabilità amministrativa di società ed enti (decreto legislativo 231/01)

Il sole 24 ore - 22 marzo 2012 - M. Mobili, G. Parente - pag. 21

Mutui per tutti anche senza conto

 
Liberarizzazioni. Via Libera della Camera. Irrisolto il nodo delle commissioni sugli affici.
Non serve più aprire il c/C nella banca dove si fa domanda

Per aprire un mutuo non sarà più necessario avere un conto corrente nella banca dove lo si richiede.
Mentre per i vecchi mutui saldati prima delle "lenzuolate" di Bersani, non bisogna andare dal notaio per estingure l'ipoteca. E' quanto prevede il decreto liberalizzazioni (dl n. 1/2012) che ieri ha ottenuto la fiducia alla Camera e che ora è pronto per essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. Il provvedimento, che consiste in 119 articoli ed è stato approvato con 449 si e 79 no (29 gli astenuti), non presenta modifiche rispetto a quello licenziato in precedenza dal Senato.
Tra le principali novità (si veda tabella a lato) ci sono l'introduzione del rating di legalità per le imprese e del tribunale per le imprese.

Italia oggi - 22 marzo 2012 - M. Rigamonti - pag. 21

Paradiso fiscale neutralizzato

Cassazione: evasore colpito anche per la sola disponibilità ottenuta con intrecci societari.
In caso di frode quote dell'azienda sempre confiscabili

In caso di frode fiscale è inutile lo schermo da parte di società lussemburghese.
Le quote dell'azienda italiana sono confiscabili anche se l'evasore non ne è il titolare ma ne ha soltanto la disponibilità mediante intrecci societari.
Lo ha sancito la Corte di cassazione con una importante sentenza, la n. 11121 del 21 marzo 2012. In particolare confermando la misura a carico di società italiane detenute prevalentemente da società lussemburghese, la quarta sezione penale ha chiarito che "il sequestro preventivo del quale era stata domandata revoca si inscrive nella regolamentazione dell'art. 322-ter c.p. in combinato con l'art. 321c.p.p.

Italia oggi - 22 marzo 2012 - D. Alberici - pag. 25