Rassegna stampa del 28 marzo 2012
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

PrivacyXP

Valuta, indagini finanziarie snelle

 
Antiriciclaggio. La Guardia di finanza fornisce le istruzioni sulla circolazione dei capitali.
Accesso in banca semplificato per le operazioni sospette

Indagini finanziarie con iter semplificato per la verifica delle operazioni sospette (Sos). A differenza di quanto accade in campo tributario, la GUardia di finanza può chiedere agli intermediari i dati sui conti dei clienti semplicemente con l'ok preventivo del comandante del reparto operante.
Cinque banche dati per il contrasto della circolazione illecita dei capitali, oltre all'impiego di mezzi tecnologici all'avanguardia e di unità cinofile appositamente addestrate (cash dogs).
Sono alcuni degli indirizzi operativi forniti dalla circolare n. 83607/2012 firmata il 19 marzo scorso dal comandante generale delle Fiamme gialle, Nino Di Paolo. Il maxi-documento (quasi 600 pagine) è manuale operativo per le attività della Gdf a tutela del mercato dei capitali.

Italia oggi - 28 marzo 2012 - C. Bartelli, V. Stroppa - pag. 32

Il redditometro come gli studi

 
La legge delega di riforma fiscale compie l'equiparazione tra i due strumenti di verifica.
Sul reddito accertato si pagheranno Irap, Iva e contriburi


Un redditometro come gli studi di settore. Sul maggior reddito accertato sinteticamente si pagheranno infatti sia i contributi previdenziali sia l'Irap e probabilmente anche l'Iva.
Rafforzamento dei controlli mirati tramite utilizzo appropriato e completo degli elementi contenuti nell'anagrafe tributaria.
Potenziamento e razionalizzazione della tracciabilità dei pagamenti e della fatturazione elettronica.
Revisione del contenzioso tributario con estensione della conciliazione giudiziale ai giudizi di appello e introduzione di procedure stragiudiziali per la definizione delle liti di minore importo.
Sono queste le misure in materia di rafforzamento delle attività conoscitive e di controllo e di revisione del contenzioso tributario contenute nel disegno di legge delega di revisione del sistema fiscale che sarà esaminato dal consiglio dei minsitri prima di Pasqua.

Italia oggi - 28 marzo 2012 - A. Bongi - pag. 37

Studi di settore, cantiere aperto

La circolare 8/E dell'Agenzia delle Entrate interviene sull'iperproduzione normativa.
Possono essere integrati sulla base degli andamenti economici

La circolare n. 8/E del 2012 ci consente di fare il punto sulle novità in materia di studi di settore introdotte dalle varie manovre 2011 e 2012.
Volendo individuare un fil rouge che unisce tutti questi provvedimenti, lo stesso è rintracciabile nella crescente importanza che agli stessi studi viene attribuita per l'azione di accertamento e tax compliance.
Il Dl 98/2011 interviene in tema di sanzioni applicabili in materia di studi di settore, prevedendo:
- L'applicazione della sanzione massima di € 2.065 in caso si omessa presentazione del modello degli studi.(...)
- La possibilità per gli uffici di effettuare l'accertamento induttivo, nei confronti dei contribuenti che omettono i dati nei modelli o che presentano una comunicazione infedele o indicano cause di esclusione o di inapplicabilità degli studi di settore non veritiere. (...)
- Innalzamento al 50% della sanzione minima e massima prevista nelle ipotesi di rettifica delle dichiarazioni in base ad accertamento da studi di settore, applicabile ai contribuenti che omettono la presentazione del modello anche a seguito di invito dell'Agenzia.

Italia oggi - 28 marzo 2012 - F. Fallacara - pag. 42