Rassegna stampa del 16 aprile 2012
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

PrivacyXP

Studi in difesa sul riciclaggio

 
Professionisti nel mirino. La circolare Gdf sull'attività di controllo delinea le modalità operative e le due"armi" di intervento.
Come prevenire gli atti e rispondere a ispezioni e controlli delle Fiamme gialle

La Guardia di finanza ha recentemente impartito direttive operative ai reparti territoriali sulle modalità di svolgimento di controlli nel settore finanziario.
In tale contesto appaiono particolaremente importanti le linee guida per i controlli ai professionisti sull'osservanza della normativa antiriciclaggio. Si tratta di nuove ispezioni e controlli nei confronti dei professionisti dell'earea economico, giuridico e contabile che non riguarderanno , come normalmente avviene, i clienti/contribuenti a la verifica dell'obbligo di adempimenti che direttamente incombono sui consulenti.
Quest'attività di controllo si aggiunge agli altri obblighi fiscali, contabili, civili, deontologici, in materia di privacy, sicurezza sul lavoro e cosi via che riguardano e impegnano tutti i professionisti.

Il sole 24 ore - 16 aprile 2012 - A. Iorio - pag. 1

Cedolare sugli affitti al debutto nel 730

 
Per i vecchi contratti l'opzione si esrcita nel modello - Possibile anche la scelta "disgiunta"

Debutta nelle dichiarazioni 730 del 2012 la cedolare secca, vale a dire l'opzione per l'imposta fissa del 19% o del 21% sugli affitti delle abitazioni, che dal 2011 si può applicare al posto dell'Irpef progressiva e delle addizionali.
Sono i giorni caldi per i modelli 730, che devono essere consegnati entro il 30 aprile ai sostituti d'imposta (datori di lavoro ed enti previdenziali) o entro il 31 maggio agli intermediari abilitati e ai Caf per la spedizione al Fisco.
Per gli acconti del 2011 della cedolare, i contribuenti si sono dovuti occupare direttamente dei versamenti (anche quelli che avevano utilizzato l'assistenza fiscale, presentando il 730/2011)

Il sole 24 ore - 16 aprle 2012 - L. De Stefani - pag. 3

Dai mobili ai viaggi, lo shopping entra nel radar del fisco

Il cervellone registra i dati dei clienti inviati da commercianti e professionisti

La "chiamata" dello spesometro 20111 scade a fine mese.
Non solo imprese e professionisti, ma anche commercianti al minuto e artigiani non tenuti all'emissine della fattura hanno tempo fino al 30 aprile per comunicare i dati dei propri clienti in relazione alle operazioni dello scorso anno.
Queste informazioni arricchiranno il "cervellone" dell'agenzia delle Entrate e verranno utilizzate per attivare gli accertamenti sintetici e per integrare i dati per la predisposizione del redditomentro

Il sole 24 ore - 16 aprile 2012 - M. Mantovani, B. Santacroce - pag. 7