Rassegna stampa del 4 giugno 2012
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

PArchiviOK in Tour per farvi scoprire la Firma Elettronica Avanzata (FEA)

Doppio test per l'accesso ai minimi

 
Fisco. I chiarimenti della circolare 17 delle Entrate - Si alla tassazione del 5% per il contribuente che ha svolto in precedenza lavori precari.
Per l'impresa creata prima del 2012 servono sia i vecchi requisiti sia quelli previsti nel 2011

Anche nelle norme sui contribuenti minimi confluiscono diverse finalità.
Quelle semplificative tendono a eliminare adempimenti sproporzionati alle piccole dimensioni delle attività, tenendo presente che gli obblighi pesano in modo proporzionalmente maggiore su tali micro-realtà che consistono esclusivamente nel titolare.
Ben vengano anche finalità larvatamente agevolative, da non sopravvalutare nell'ottica della scelta di intraprendente attività sostanzialmente basate sul lavoro del titolare e con scarso investimento di capitali.
In questi casi le prospettive economiche sono decisive rispetto ai vantaggi fiscali. Questi ultimi devono anche essere valtati sul piano della serenità, oltre che su quello della generosità, dove un regime di favore può essere circondato da condizioni, limiti e caveat che lo fanno diventare un incubo.

Il sole 24 ore - 4 giugno 2012 - R. Luppi - pag. 1

Cedolare, acconti 2011 ai supplementari

 
Dichiarazione dei redditi. Se si è tralasciato di inviare la raccomandata al conduttore, il Dl 16 apre lo spiraglio della sanatoria sulle opzioni.
Per la circolare 15/E chi non ha pagato l'anno scorso può ravvedersi e scegliere l'imposta piatta nel 730


Approcio "morbido" sui pagamenti per la cedolare secca sugli affitti. Infatti, chi ha deciso di scegliere l'imposta sostitutiva nella dichiarazione dei redditi per i "vecchi" contratti (già registrati alla data del 7 april 2011), ma ha mancato l'appuntamento con il versamento dell'acconto 2011, può comunque ancora assoggettare i canoni di locazione all'imposta piatta sfruttando il ravvedimento operoso.
Lo ha chiarito l'agenzia delle Entrate con la circolare 15/E diffusa il 25 maggio scorso.

Il sole 24 ore - 4 giugno 2012 - S. Pellegrino, G. Valcarenghi - pag. 3

Iva, l'inizio attività segnala l'opzione per le cessioni UE

Le istruzioni al modello. Necessaria l'iscrizione al Vies.
Il volume presunto va nel quadro I

La denuncia di inzio attività per la partita Iva imbarca anche l'opzione per le operazioni in ambito comunitario. E' l'indicazione contenuta nelle istruzioni al modello AA9/11 appena arrivato dall'agenzia delle Entrate che conferma quanto era stato anticipato dalla circolare 39/E2011.
In pratica, i contribuenti che vorranno ottenere l'iscrizione al Vies (il sistema di scambio di informazioni automatico tra le amministrazioni finanziarie dell'Unione) necessaria per operare con gli altri paesi comunitari dovranno compilare il quadro I del modello, indicando il volume presunto degli scambi che saranno effettuati

Il sole 24 ore - 4 giugno 2012 - M. Sirri, R. Zavatta - pag. 4