Rassegna stampa del 17 luglio 2012
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

PArchiviOK in Tour per farvi scoprire la Firma Elettronica Avanzata (FEA)

Costi da reato, si riparte da zero

 
Fisco e contribuenti. Ordinanza della Corte costituzionale sulla questione di legittimità sollevata dalla Ctr del Veneto.
Il giudice rimettente dovrà valutare se chiedere una nuova pronuncia

Sulla questione della costituzionalità dei costi da reato, la Consulta restituisce gli atti alla Commissione regionale del Veneto perchè valuti se, a seguito modifiche normative intervenute, sia ancora attuale la rilevanza e non manifesta infondatezza delle circostanze a suo tempo sollevante.
A prevederlo è l'ordinanza della Corte Costituzionale 190 depositata il 16 luglio 2012.
La vicenda trae origine dalla ordinanza della Ctr Veneto, sezione di Verona 27/21/2011, depositata l'11 aprile 2011, con cui era stato richiesto il vaglio della Consulta circa la norma sull'inducibilità dei costi da reato.

Il sole 24 ore - 17 luglio 2012 - A. Iorio - pag. 22

Unico in ritardo senza sanzioni

 
La Commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia non ha applicato la penalità.
Si alla maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse


Il versamento a saldo e primo acconto delle imposte che dericano dalla dichiarazione dei redditi può essere effettuato dal contribuente con la maggiorazione dello 0,40% a titolo di interesse corrispettivo entro il trentesimo giorno successivo al termine previsto, senza il pagamento della sanzione; è l'orientamento della sentenza della Commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia n. 38/2/2012 del 27 aprile scorso.

Italia oggi - 17 luglio 2012 - F. Gavioli - pag. 23

Costi reato, deducibilità ampia

La Consulta traccia i confini per le norme del decreto semplificazioni anche in corso di causa.
Si all'applicazione retroattiva per la nuova disciplina

Costi da reato deducibili con effetto retroattivo.
In linea con quanto affermato dalla giurisprudenza tributaria di merito (cfr. ordinanza della Ctp di Reggio Emilia n. 92 del 8 marzo 2012)e dalla Suprema Corte di cassazione nelle tre recenti sentenze depositate lo scorso 20 giugno (sentenze n. 10167, n. 10168 e n. 10169), con l'ordinanza n. 190 depositata il 16 luglio 2012 la Consulta ha confermato la portata retroattiva della nuova disciplina sulla cosiddetta indeducibilità dei costi da reato la quale, dunque, potrà essere fatta valere dai contribuenti anche in corso di causa.

Italia oggi - 17 luglio 2012 - S. Lo Conte, G. Marzo - pag. 21