Rassegna stampa del 27 agosto 2012
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

PArchiviOK in Tour per farvi scoprire la Firma Elettronica Avanzata (FEA)

La fattura anticipata spinge alla cassa dell'Iva

 
Servizi intra Ue. La lettura spiana la strada alla lquidazione in reverse charge ma crea un doppio binario con le regole comunitarie sull'ultimazione dell'operazione.
Per le Entrate l'emissione da parte del soggetto straniero indica che ha "terminato" la prestazione generica


La fattura anticipata è un indice dell'ultimazione delle prestazioni generiche ricevute da un soggetto estero e, in quanto tale, consente ai contribuenti di liquidare l'Iva con il reverse charge.
Questo chiarimento - fornito dalle Entrate nella diretta Map del 31 maggio scorso - cerca di dare una risposta pragmatica ai numerosi problemi che sono stati negli utlimi mesi sollevati dai contribuenti e dalle associazioni di categoria.
Tuttavia l'interpretazione torna ora prepotentemente alla ribalta in quanto non è di per sè completamente risolutiva.
Sia perché apre un fronte di possibile contrasto con le disposizioni comunitarie, sia perché si creano complicazioni e adempimenti aggiuntivi nei casi in cui la fattura non venga emessa.


Il sole 24 ore - 27 agosto 2012 - M. Mantovani, B. Santacroce - pag. 3

Società "under 35" al via mercoledi

 
Responsabilità limitata. Costituzione possibile con un solo euro di capitale - Stop incerto all'adozione di clausole "extra".
Srls al debutto: tra due giorni entra in vigore il Dm 138 che vara lo statuto standard


Dopodomani, mercoledi, debutta la società a responsabilità limitata semplificata: è il 29 agosto, infatti, la data di entrata in vigore del Dm Giustizia 138 del 23 giugno 2012 (pubblicato in "Gazzetta Ufficiale" 189 del 14 agosto 2012), che detta l'atto costitutivo standard della Srl semplificata (Srls, in sigla).
La formulazione con Dm dell'atto costitutivo standard era indispensabile perché il nuovo articolo 2463-bis del Cosdice civile (introdotto dal Dl 1/2012, convertito in legge 27/2012) sancisce che "l'atto costitutivo deve essere redatto per atto pubblico in conformità al modello standard tipizzato con decreto del ministro della Giustizia, di concerto con il ministro dell'Economia e delle finanze e con il ministro dello Sviluppo economico".

Il sole 24 ore - 27 agosto 2012 - A. Busani - pag. 5