Rassegna stampa del 4 settembre 2012
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

PArchiviOK in Tour per farvi scoprire la Firma Elettronica Avanzata (FEA)

Privacy per le persone giuridiche

 
Circolare Assonime dedicata al recepimento della nuova direttiva. Cookies, serve il consenso.
Nelle tlc la disciplina di protezione è per ogni contraente


Nelle tlc le tutele della legge sulla privacy proteggono le persone giuridiche.
Il settore delle comunicazioni aggancia al "contraente" la disciplina di protezione contro chiamate indesiderate e uso indebito dei dati personali. E "contraente" può essere anche l'ente collettivo, non solo la persona fisica. Questa la tesi sviluppata dall'Assonime (Associazione fra le società italiane per azione) nella circolare n. 23 dedicata alla "disciplina italiana della privacy" - semplificazioni, recepimento della nuova direttiva e-privacy e sviluppi in tema di trattamenti dei dati per finalità di marketing.


Italia oggi - 4 settembre2012 - A. Ciccia - pag. 23

Srl a un euro, scudo anti-riciclaggio

 
Diritto all'econimia. Il rischio di utilizzo con finalità di ripulitura di denaro sporco è attenuato dall'intervento del notaio.
Obbligo di segnalazione per i casi anomali come la costituzione di più società


La possibilità di dar vita alle società semplificate, e cioè a Srl costituite da persone con meno di 35 anni con capitale sociale irrisorio e praticamente senza spese di costituzione, può comportare, oltre che un utilizzo "virtuoso" di questa opportunità da parte di persone sotto i 35 anni con il fine di agevolarne l'imprenditorialità, anche un evidente utilizzo abusivo o addirittura delinquenziale. (...) Il poter originare, in pratica senza costi, una pluralità di contenitori societari (nel gergo dei business lawyers chiamati shellco, perchè appunto si tratta di "gusci vuoti") è indubbiamente una facilitazione anche per le movimentazioni finanziarie che, se realizzate in capo a una persona fisica, non potrebbero mai passare inosservate.

Il sole 24 ore - 4 settembre 2012 - A. Busani - pag. 22

Comunicazione black list ampia

Iva. Alcune delle conseguenze dell'ormai imminente decreto in materia di fatturazione.
Ma si complica la strada per gli acquisti in sospensione

Comunicazione "black list" più ampia e accesso acquisti in sospensione d'Iva più difficile. Sono alcune conseguenze che deriverebbero dalle modifiche previste dalla prima bozza di decreto legislativo di recepimento direttiva comunitaria 2010/45/Ue in materia di fatturazione, predisposta dai tecnici dell'amministrazione finanziaria.
Queste conseguenze si ricollegano, in particolare, alla prospettata estensione dell'obbligo di fatturazione anche alle operazioni non territoriali e agli effetti sul volume d'affari.

Italia oggi - 4 settembre 2012 - F. Ricca - pag. 25