Rassegna stampa del 26 settembre 2012
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

PArchiviOK in Tour per farvi scoprire la Firma Elettronica Avanzata (FEA)

Doppio passaggio sui beni ai soci

 
I chiarimenti delle Entrate. Analisi delle modalità individuate dalla circolare 36/E per ridurre il rischio della doppia tassazione.
Il calcolo del reddito "diverso" si complica nelle società di persone e trasparenti


Capriole in salita per i calcoli di beni concessi in godimento ai soci e ai familiari.
La circolare 36/E del 24 settembre conferma quanto oramai sia divenuta una vicenda quasi kafkiana quella prevista dalla manovra di Ferragosto 2011.
Con uno sforzo maggiore, l'agenzia delle Entrate avrebbe potuto corregere una serie di incongruenze (in particolare, affermando l'inapplicabilitò delle disposizioni per l'imprenditore individuale e per le autovetture in genere), anche per non "appesantire" sempre più il clima tra contribuenti e amministrazione finanziaria.


Il sole 24 ore - 26 settembre 2012 - D. Deotto, L. Gaiani - pag. 18

Rimborsi Iva Ue, le domande entro fine mese

 
Istanze italiane valide anche il 1° ottobre

Il 30 settembre scade il termine per inviare la richiesta di rimborso dell'Iva per non residenti relativa al periodo d'imposta 2011. Il termine, almeno per le istanze presentate in Italia (in via telematica ocartace), dovrebbe slittare a lunedi 1° ottobre in quando il 30 settembre è domenica e per l'ordinamento interno le incombenze che scadono in un giorno festivoo slittano al giorno feriale successivo.
Lo stesso potrebbe non valere in altri Paesi Ue, quindi è bene verificare caso per caso, con riferimento a ogni Stato membro di rimborso, anche perchè la scadenza del 30 settembre ha carattere perentorio.

Il sole 24 ore - 26 settembre 2012 - M. Mantovani, B. Santacroce - pag. 18

Cartelle pazze in soffitta

Disegno di legge al Senato sulle procedure di autotutela della riscossione.
Stop con dichiarazione. Sanzioni per chi mente

Stop alle cartelle pazze con una dichiarazione del contribuente ma occhio a dire menzogne.
Scatterà infatti, il reato per falsa documentazione e una maxi sanzione (dal 100 al 200% dell'ammontare delle somme dovute, con una base di 258 euro).
L'autotutela sulla riscossione si applicherà poi in maniera retroattiva, prevedendo una sorta di rottamazione delle cartelle pazze.
Dietrofront sulla doppia comunicazione prima di attivare il fermo per le cartelle fino a 2 mila euro.
Sono queste le novità in arrivo dal disegno di legge di un unico articolo fatto proprio ieri dalla commissione finanze del Senato, dopo il via libera del comitato ristretto, e che si appresta a essere votato già oggi, quando scadrà il termine per la presentazine degli emendamenti.

Italia oggi - 26 settembre 2012 - C. Bartelli - pag. 27