Rassegna stampa del 23 novembre 2012
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK in Tour a Cupra Marittima

Spese della famiglia vigilate speciali

 
Dalla casa al tempo libero, il fisco chiede coerenza tra acquisti e redditi dichiarato

Rosso o verde; questi i due colori che sintetizzano il funzionamento del redditest, software pubblicato lunedi sul sito dell'agenzia delle entrate e presentato nel corso di una conferenza stampa, al qualeè affidato il compito di fornire un primo responso indicativo della compatibilità tra reddito e spese di qualsiasi genere sostenute da una famiglia nel periodo di imposta.
L'operazione si innesta nel più ampio tentativo di verificare il corretto comportamento dei contribuenti italiani mediante una massiccia applicazione della ricostruzione sintetica del reddito, vale a dire quella che risale agli imponibili teorici, partendo dalle manifestazioni del reddito (spese e investimenti).

Il sole 24 ore - 23 novembre 2012 - S. Pellegrino, G. Valcarenghi - pag. 29

Cartelle esattoriali, notifica certa

 
La Corte costituzionale allinea di fatto la procedura a quella degli accertamenti fiscali.
L'affissione e la raccomandata se il contribuenti è assente


Par condicio tra cartelle di pagamento e accertamenti tributari sulle regole che devono essere osservate per garantire la loro conoscibilità da parte dei contribuenti.
Il procedimento di notifica di una cartella deve essere allineato a quello previsto per gli accertamenti fiscali.
Se un soggetto al quale viene notificata una cartella è temporaneamente assente, l'avvenuto deposito dell'atto nella casa comunale deve essere comunicato al destinatario con l'affissione alla porta e con l'invio di una raccomandata informativa, cosi come avviene per gli atti di accertamento.

Italia oggi - 23 novembre 2012 - S. Trovato - pag. 23

Iva per cassa, specifiche in fattura

L'Agenzia delle entrate desume la scelta dell'interessato dal comportamento concludente.
Dal 1° dicembre sufficiente indicazione nei documenti emessi

Per avvalersi del regime di cassa dal 1° dicembre sarà sufficiente specificarlo sulle fatture emesse.
Anche questa formalità, comunque, non è indispensabile, perchè quello che conta sono le modalità con le quali sarà effettuata la liquidazione periodica del mese di dicembre.
Secondo il provvedimento dell'Agenzia delle Entrate del 21 novembre, infatti, la scelta dell'interessato si desume dal comportamento concludente, anchse se dovrà essere poi comunicata nella dichiarazione annuale Iva.
Valgono, in sostanza, i principi generali sulle modalità delle opzioni e revoche in materia tributaria, codificati nel dpr n. 442/97.

Italia oggi - 23 novembre 2012 - F. Ricca - pag. 29