Rassegna stampa del 9 gennaio 2013
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK in Tour fa tappa a Napoli, per farvi scoprire la Firma Elettronica Avanzata (FEA)

Redditometro, dati da provare

 
Lotta all'evasione. Per la Corte di cassazione le presunzioni sono semplici e l'onere della prova resta a carico del fisco.
Gli elementi induttivi vanno rapportati alla reale situazione del contribuente

Secondo la Corte di cassazione, anche il nuovo redditometro (cosi come il "vecchio") è da inquadrare tra le presunzioni semplici, per cui non si inverte in alcun modo l'onere probatorio nei confronti del contribuente.
La sentenza è la n. 23554/2012, depositata il 20 dicembre 2012, e verte circa la possibilità o meno che l'amministrazione avrebbe avuto di esperire l'accertamento sintentico nei confronti di un contribuente che utilizzò il cosidetto "concordato di massa" del 1994.
Nelle sue conclusioni, favorevoli al contribuente, la Corte ulteriormente precisa che l'accertamento sintetico disciplinato dall'articolo 38 Dpr n. 600/1973, già nella formulazione legale relativa, la quale inverte l'onere probatorio e lo addossa sul contribuente.

Il sole 24 ore - 9 gennaio 2013 - D. Deotto - pag. 15

Fatture Iva da rinumerare

 
Adempimenti. Da quest'anno va indicata la "partita" del cliente e descritti i casi di non applicazione.
La comunicazione deve contraddistinguere il documento in modo univoco


Le fatture di vendita e per le prestazioni di servizi emesse dal 2013, subiscono alcune modifiche ed in particolare: la numerazione progressiva e l'indicazione del numero di partita Iva dell'acquirente o del committente (articolo 1, commi 324 e seguenti, legge 128/2012).
In questi giorni le imprese sono pertanto impegnate con le modifiche del software per adeguere le fatture emesse alle nuove prescrizioni della legge.
In ordine alla numerazione, l'articolo 21, Dpr 633/72, nella versione precedente, prevedeva che la fattura è datata e numerata in ordine progressivo per anno solare.
La nuova disposizione prevede invece che la fattura deve contenere il numero progressivo che la identifichi in modo univoco.

Il sole 24 ore - 9 gennaio 2013 - G. P. Tosoni - pag. 16