Rassegna stampa del 24 gennaio 2013
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK in Tour a Roma per farvi scoprire la Firma Elettronica Avanzata (FEA)

Effetto cumulo per il premio Ace

 
Fisco. L'incentivo alla capitalizzazione tiene conto di accantonamenti a riserva e versamenti dei soci effettuati nel 2011 e 2012.
Nel bilancio del passato esercizio il bonus del 3% si applica sullo stock di due anni

Agevolazioni Ace al raddoppio nei bilanci 2012. Nel calcolo dell'incentivo alla capitalizzazione introdotto dal decreto salva Italia, le imprese tengono conto di accantonamenti a riserva e vrsamenti dei soci effettuati sia nel 2011 che nel 2012. Per i conferimenti del 2011 scompare il ragguaglio temporale, che va invece introdotto per quelli dell'anno seguente. Al via, inoltre, l'utilizzo delle detassazioni riportate a nuovo per incapienza del reddito.
Nel bilancio dell'esercizio 2012, le società applicano per la seconda volta l'agevolazione Ace disciplinata dall'articolo 1 del Dl 201 del 2011, che prevede una deduzione dal reddito imponibile (Ires o Irpef) pari al 3% dell'incremento patrimoniale realizzato rispetto al 31 dicembre 2010.

Il sole 24 ore - 24 gennaio 2013 - L. Gaiani - pag. 16

Il redditometro punta anche i conti dell'impresa

 
Lotta all'evasione. Lo strumento può favorire controll mirati

La relazione tra redditometro, reddito individuale e reddito d'impresa è particolarmente stretta in termini di accertamento.
E il redditometro, pur essendo uno strumento diretto a valutare il reddito complessivo della persona fisica, può costituire un elemento di attivazione di un accertamento nei confronti dell'impresa, individuale o societaria che sia.
A questa conclusione si giunge se si considera ceh lo strumento del redditometro, convertendo le spese in reddito, è idoneo a manifestare una ricchezza individuale totalmente non compatibile con i redditi effettivamente dichiarati. (...)
A questo punto se il nostro contribuente svolge come unica attività quella d'impresa è chiaro che il nero utilizzato per vivere potrebbe scaturire anche dall'attività d'impresa.

Il sole 24 ore - 24 gennaio 2013 - B. Santacroce - pag. 17

Doppio binario sull'Iva per i beni venduti nella Ue

La riforma. Le regole per le merci che si trovano già all'estero

Il recepimento della direttiva fatturazione deve tener conto dei diversi regimi nella Ue.
Le regole per la fatturazione sono cambiate dal 1° gennaio di quest'anno e una delle novità di maggior rilievo riguarda le operazioni diverse da quelle imponibili, per le quali la quarantenale consuetudine di indicare in fattura la disposizione che prevede la non applicazione del tributo dovrà essere rivista nel senso di utilizzare necessariamente le indicazioni obbligatorie, rimanendo invece facoltativo il richiamo della norma.

Il sole 24 ore - 24 gennaio 2013 - R. Rizzardi - pag. 16