Rassegna stampa del 1 marzo 2013
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Firma GrafOK, per gestire la firma avanzata elettronica su documenti informatici nativi che prevedono l'apposizione di una o più firme autografe

Imu per le imprese, rischio raddoppio

 
Fisco e aziende. La disposizione prevista dal Dl Salva-Italia, insieme alle altre novità, può portare a incrementi fra il 50 e il 100 per cento.
Nel 2013 cresce ancora dell'8,3% la base imponibile su capannoni industriali e alberghi

Per l'Imu industriale e alberghi il 2013 porta un altro scalino, che risale al decreto "Salva-Italia" di fine 2011 e che da quest'anno farà salire ulteriormente il carico fiscale sul mattone.
Il rincaro minimo sarà dell'8,3% rispetto a quanto pagato nel 2012 e colpirà tutti gli immobili che il Catasto inserisce nella categoria D.
Si tratta di opifici e fabbricati industriali, alberghi, ma anche teatri, case di cura e centri sportivi: in questa categoria si salvano solo gli immobili di banche e assicurazioni, che seguono una regola a sé ( e hanno già assorbito tutti i loro aumenti nel 2012).

Il sole 24 ore - 1 marzo 2013 - G. Trovati - pag. 17

Intreccio Ires per le perdite

 
Gli effetti della possibilità di rimborso sull'Irap che non è stata dedotta in passato.
Bisogna ricalcolare il reddito se era stato già parzialmente compensato


L'impatto delle perdite ricalcolate a seguito dell'istanza di "rimborso Irap" è uno dei temi frequentemente segnalati dai lettori, sa con riferimento ai problemi compilativi del modello dell'istanza, sia con riferimento a questioni più articolate che attengono le conseguenze del ricalcolo delle perdite.
Il concetto di fondo è che la deduzione retroattiva dell'Irap sul costo del lavoro incrementa le perdite fiscali, le quali possono essere state riportate a nuovo e non utilizzate a tutt'oggi, oppure possno essere state già utilizzati in compensazione del reddito imponibile tra il 2007 e il 2011.
Il tutto considerando che a far data dal 2011 la compensazione delle perdite, per i soggetti Ires avviene con riferimento all'80% del reddito imponibile, e tale ultima compensazione è già stata eseguita con il modello Unico 2012 redatto lo scorso ano.

Il sole 24 ore - 1 marzo 2013 - P. Meneghetti - pag. 21

Professioni riviste

Studi di settore. I correttivi per il 2013.
Introdotto il valore ore lavorate

Per gli studi di settore dei professionisti alle prime armi spunta il nuovo correttivo basato sulle ore dedicate all'attività.
La proposta di intervento dovrà passare il vaglio della commissione degli esperti e verrà ufficializzata solo il prossimo 5 marzo, si basa sull'attività dei professionisti che nei primi anni di esercizio della loro attività collaborano con studi già avviati e dai quali percepiscono un compenso forfettario riferito essenzialmente alle ore di attività svolta.

Italia oggi - 1 marzo 2013 - A. Bongi - pag. 35