Rassegna stampa del 14 marzo 2013
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK in Tour ad Arezzo per farvi scoprire la Firma Elettronica Avanzata (FEA)

Anagrafe dei conti dal 31 ottobre

 
Adempimenti. Le Entrate concedono più tempo per inviare saldi e movimenti dei rapporti attivi nel 2011 - Ultime limature al testo del decreto.
Censimento anche per depositi titoli, gestioni patrimoniali, rapporti fiduciari e carte di credito

E' pronto il provvedimento dell'agenzia delle Entrate che integra l'archivio dei rapporti finanziari. Dopo i rilievi sollevati dal Garante delle Privacy (con i provvedimenti del 17 aprire 2012, del 15 novembre 2012 e del 31 gennaio 2013) prende corpo cosi il nuovo sistema di controllo rafforzato su saldi e movimenti dei conti correnti e degli altri tipi di strumenti finanziari.
Entro il 31 ottobre 2013 - e non più entro il mese di aprile, quindi - dovranno essere comunicate, in particolare, le informazioni relative alle diverse tipologie di rapporti attivi nel 2011.

Il sole 24 ore - 14 marzo 2013 - M. Bellinazzo - pag. 19

Per le frodi carosello prova in capo alle Entrate

 
Cassazione. Negli altri casi di false fatturazioni la buona fede va sempre dimostrata dal contribuente

Solo in presenza di frodi carosello l'onere probatorio resta a carico dell'amministrazione, la quale deve dimostrare, anche in via presuntiva, la fittizietà delle operazioni.
In caso, invece, di documenti oggettivamente inesistenti il contribuente deve provare la propria buona fede.
A dirlo è la Cassazione con la sentenza 6229 depositata il 13 marzo 2013 che fa il punto sul riparto dell'onere probatorio tra contribuente e ufficio in presenza di false fatturazioni.
La pronuncia peraltro prende atto anche del recente orientamento della Corte di giustizia Ue.

Il sole 24 ore - 1 marzo 2013 - A. Iorio - pag. 20

Per i minimi l'Iva è costo deducibile

Regimi speciali. Piccoli imprenditori

Il passaggio dal regime dei minimi al regime normale Iva, o il passaggio al contrario, ha effetti ai fini del calcolo Iva sulle merci e sui beni strumentali. E su questo chiede lumi Arianna Sena.
Al riguardo, valgono i chiarimenti forniti dall'agenzia delle Entrate, con la circolare 13/E del 26 febbraio 2008.
In questo documento, al punto 2.3 "deducibilità delle imposte dirette", si legge che, a norma del comma 101, dell'articolo 1, legge 244/2007, "l'applicazione del regime dei contribuenti minimi comporta la rettifica della detrazione ai sensi dell'articolo 19bis2 del Dpr 633/1972. La relativa imposta deve essere versata in unica soluzione o in cinque rate annuali di pari importo".

Il sole 24 ore - 14 marzo 2013 - S. Morina, T. Morina - pag. 21