Rassegna stampa del 15 marzo 2013
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK in Tour ad Arezzo per farvi scoprire la Firma Elettronica Avanzata (FEA)

Il Fisco sorveglia dai conti all'oro

 
Lotta all'evasione. Il decreto di attuazione del nuovo sistema di controllo è pronto e sarà licenziato dalle Entrate nei prossimi giorni.
Nel super archivio dei rapporti censiti saldi e operazioni finanziarie a partire dal 2011

Con il varo del decreto di attuazione della super anagrafe dei rapporti finanziari, l'agenzia delle Entrate disporrà di una mole di informazioni sui risparmi e gli investimenti dei contribuenti senza precedenti.
Il provvedimento che potenzia la sezione dell'Anagrafe tributaria riservata ai conti correnti e agli altri strumenti finanziari - nel solco di quanto impostato dai Dl 98/2011 e 201/2011 - è pronto.
Dovrebbe essere firmato dal direttore dell'Agenzia, Attilio Befera, e poi pubblicato nei prossimi giorni.

Il sole 24 ore - 15 marzo 2013 - M. Bellinazzo - pag. 19

Alla cassa per il saldo Iva

 
Imposta sul valore aggiunto. Entro lunedi il versamento in unica soluzione o la prima rata.
Chi è a credito può iniziare a compensare da marzo con l'F24


Scade lunedi 18 marzo il termine per il pagamento con F24 del Saldo Iva 2012, ma il versamento può essere rateizzato fino ad un massimo di nove rate, con il pagamento della prima entro lunedi prossimo.
La presentazione della dichiarazione Iva autonoma 2013, entro lo scorso 28 febbraio, ha consentito di non inviare alle Entrate la comunicazione dati Iva, ma per i modelli a debito Iva l'invio anticipato (rispetto alla scadenza ordinaria del 30 settembre) è possibile solo per chi pagherà entro il 18 marzo il saldo Iva 2012, anche in modo ratizzato, partendo dalla stessa data (circolare 25 gennaio 2011, n. 1/E)

Il sole 24 ore - 15 marzo 2013 - L. De Stefani - pag. 21

Privacy, ombrello Ue per gli utenti delle app

Informativa e consenso sono necessari. Come l'assenso dei genitori per i minori

Ombrello Ue per la tutela della privacy degli utenti di "app" su tablet e smartphone.
I garanti europei della privacy, riuniti nel "gruppo articolo 29" hanno elaborato le precauzioni da seguire per evitare che la raccolta dati, connesa all'uso delle applicazioni "app", si trasformi in un boomerang per le persone e, soprattutto, per i minori.
Le prescrizioni principali riguardano l'informativa da dare agli utilizzatori e il consenso che bisogna raccogliere da loro; per i minori sono i genitori che devono dare l'assenso; va ridotto il rischio di tracciare gli utenti e vanno definiti limiti alla conservazione dei dati raccolti.

Italia oggi - 15 marzo 2013 - pag. 21