Rassegna stampa del 21 marzo 2013
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

AVVISO AI LETTORI
Lunedi 25 marzo 2013 gli uffici Data Print Grafik SpA
resteranno chiusi per festività sammarinese.
In tale data il servizio di rassegna stampa non sarà disponibile
ArchiviOK in Tour ad Arezzo per farvi scoprire la Firma Elettronica Avanzata (FEA)

Segreto in forse sui conti scudati

 
Lotta all'evasione. Incontro tra gli intermediari e l'agenzia delle Entrate sull'impatto della banca dati dei rapporti finanziari.
Da sciogliere il dubbio sull'invio degli importi da parte degli istituti

Nessuna certezza che i conti scudati resteranno segretati in relazione all'importo depositato.
Cosi come non è ancora chiaro se i detentori delle carte di credito saranno considerati, dalla superanagrafe dei rapporti finanziari, in relazione al plafond disponibile oppure a quello effettivamente utilizzato.
E' quel che filtra dall'incontro tecnico che si è svolto ieri presso la sede dell'associazione bancaria italiana tra i vertici dell'agenzia delle Entrate che si occupano di segnalazioni anagrafiche e il mondo creditizio. Le banche, peraltro, si attendevano la consegna del testo definitivo del decreto attuativo della super anagrafe dei rapporti finanziari che invece non c'è stata (ma il testo è atteso a giorni, anche se potrebbe essere poi seguito da una circolare interpretativa)

Il sole 24 ore - 21 marzo 2013 - G. Costa - pag. 19

Ace, rettifica al patrimonio netto

 
Le risposte ai temi dei lettori. La procedura da seguire quando la base di calcolo si avvicina all'ammontare ante imposte.
L'ires va calcolata due volte, la prima come se l'agevolazione non esistesse


Quando la base di calcolo per l'applicazione dell'agevolazione Ace (aiuto per la crescita economica) è di un importo che si avvicina all'ammontare del patrimonio netto determinato prima del calcolo delle imposte di esercizio, occorre effettuare una complessa simulazione, al fine di evitare di sfruttare un beneficio superiore a quello consentito, incorrendo, conseguentemente, nelle relative sanzioni.
E' quanto emerge dalla normativa e dall'esame dei modelli dichiarativi, che, sotto questo aspetto, sno più chiari di quelli dello scorso anno.

Il sole 24 ore - 21 marzo 2013 - G. Gavelli - pag. 20

Rifiuti pericolosi, ritorna la tracciabilità del Sistri

Ambiente. Dal 1° ottobre in base a un decreto ministeriale

Torna alla ribalta il Sistri, il sistema di tracciabilità digitale dei rifiuti, il cui varo era già stato rinviato due volte negli ultimi anni per le proteste - sui malfunzionamenti della procedura - delle centinaia di migliaia di imprese coinvolte.
Un decreto del ministro dell'Ambiente, Corrado Clini, rilancia Sistri a partire dal 1° ottobre 2013 per le aziende produttrici di rifiuti pericolosi con più di dieci dipendenti e per gli enti e le imprese che gestiscono rifiuti pericolosi.
Per tutte le altre imprese l'avvio del sistema è fissato invece per il 3 marzo 2014.

Il sole 24 ore - 21 marzo 2013 - A. Gal. - pag. 23