Rassegna stampa del 22 marzo 2013
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

AVVISO AI LETTORI
Lunedi 25 marzo 2013 gli uffici Data Print Grafik SpA
resteranno chiusi per festività sammarinese.
In tale data il servizio di rassegna stampa non sarà disponibile
ArchiviOK in Tour a >Bologna per farvi scoprire la Firma Elettronica Avanzata (FEA)

Perdite su crediti senza linee guida

 
Fisco e contribuenti. L'amministrazione deve ancora fornire le indicazioni interpretative su molti argomenti di rilievo per gli operatori.
In sospeso la deduzione per le somme maturate in passato e non ancora "scontate"

Deducibilità delle perdite su crediti ancora "al buio", con la conseguenza che il calcolo delle imposte 2012 da contabilizzare in bilancio sarà (anche quest'anno) forzatamente approssimativo.
Nonostante entro la settimana prossima la maggior parte delle società di capitali definiranno il progetto di bilancio, per rispettare i tempi dettati dal Codice civile in vista delle assemblee di fine aprile, l'attesa circolare interpretativa sulle modifiche imposte (dal 12 agosto scorso) all'articolo 101, comma 5, Tuir dall'articolo 33, comma 5 del Dl 83/2012 non sembra alle porte, per cui eventuali chiarimenti successivi saranno tardivi

Il sole 24 ore - 22 marzo 2013 - G. Gavelli, M. Sirri - pag. 21

Anagrafe, tutele per lo scudo

 
Lotta all'evasione. Il decreto attuativo deve misurarsi con i vincoli definiti sia dalle norme di legge sia dalle circolari.
Spazio per legare la comunicazione dei dati contabili solo ai conti "ordinari"


Le nuove comunicazioni che gli intermediari finanziari sono obbligati a fare al fisco dei dati identificativi del rapporto finanziario e del loro contenuto aggragato, nell'attuale quadro normativo, non sembrano poter interessare i conti secretati a seguito di adesione del contribuente allo scudo fiscale.
La questione che è venuta alla ribalta dopo la riunione che l'agenzia delle Entrate ha avuto con gli intermediari finanziari deve essere risolta tenendo conto del complesso di norme che disciplinano la materia sia sul piano normativo che regolamentari.

Il sole 24 ore - 22 marzo 2013 - B. Santacroce - pag. 23

L'Iva non dipende dal proprietario

Manutenzioni. Per le immobiliari aliquota al 10%

L'applicazione dell'Iva del 10% sulle manutenzioni di abitazioni si applica indipendentemente dalla tipologia del proprietario del fabbricato, il quale non deve per forza essere una persona fisica, ma può essere anche un'immobile di gestione, come nel caso proposto dal lettore Iuri Ducci.
L'articolo 7, comma 1, lettera b, legge 488/1999, infatti, prevede l'applicazione dell'Iva agevolata del 10% alle prestazioni sugli interventi di recupero del patrimonio edilizio "realizzati su fabbricati a prevalente destinazione abitativa privata", ma questa locuzione utilizzata dalla norma serve solo per circoscrivere "oggettivamente" e non "soggettivamente" l'ambito di applicazione del beneficio (circolare 247/E/1999, paragrafo 2.1).

Il sole 24 ore - 22 marzo 2013 - L. De Stefani - pag. 22