Rassegna stampa del 28 marzo 2013
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK in Tour a >Bologna per farvi scoprire la Firma Elettronica Avanzata (FEA)

L'antiriciclaggio non funziona

 
Inasprita l'attività di ispezione della Guardia di Finanza negli studi dei professionisti.
Adempimenti da razionalizzare. Poche segnalazioni

Con riferimento alle misure antiriciclaggio previste dal dlgs 231/2007, l'inasprimento delle attività di ispezione della Gdf presso gli studi professionali rende quanto mai opportuna una riflessione sullo stato dell'arte.
Invero, ser il perimetro della riflessione fosse circoscritto alle segnalazioni di operazioni sospette provenienti dai professionisti si dovrebbe concludere ch l'obiettivo del legislatore è naufragato.
Nel corso del primo semestre del 2012 alla Uif sono pervenute, su un totale di 1113 segnalazioni inviate da professionisti, solo 31 segnalazioni da parte di dottori commercialisti e 10 da parte di esperti contabili.

Italia oggi - 28 marzo 2013 - A. De Vito- pag. 30

Anagrave, chiavi solo alle Entrate

 
Accertamento/1. I contenuti dell'archivio sui rapporti finanziari possono essere utilizzati per controllare le autodichiarazioni per i servizi sociali.
In base al decreto legge 201 il rafforzamento delle verifiche sulle prestazioni spetta all'Agenzia


I dati finanziari inviati dagli intermediari all'agenzia delle Entrate e gestiti in una sezione dell'anagrafe tributaria possono essere utilizzati anche allo scopo di semplificare le procedure di richiesta dei cittadini delle prestazioni sociali agevolate per quanto riguarda la determinazione dell'indice di capacità economica del richiedente (Isee). Questa possibilità di utilizzo è prevista dall'articolo 11 del Dl 201/2011 (come modificato dal Dl 95/2012), non brilla per chiarezza e pone in evidenza la criticità che i dati possano essere accessibili anche al di fuori dell'agenzia delle Entrate.

Il sole 24 ore - 28 marzo 2013 - B. Santacroce - pag. 16

Studi di settore, nuova coerenza

Accertamento/2. Pubblicato in Gazzetta il decreto dell'Economia che modifica i valori di riferimento in relazione alla congiuntura.
Focus su rimanenze, esistenze iniziali, costo del venduto e spese per beni mobili

Per gli studi di settore arriva il primo adeguamento alla congiuntura economica.
Con il decreto del ministero dell'Economia del 21 marzo 2013, pubblicato sulla "Gazzetta Ufficiale" 73 del 27 marzo, sono state approvate alcune modifiche agli studi per il periodo d'imposta 2012.
Questo mentre sul sito dell'agenzia delle Entrate sono stati pubblicati, sempre ieri, l'aggiornamento del software di compilazione Gerico 2013 (versione beta) - che consente un primo calcolo della congruità (non ancora indicativo), tenuto conto della normalità economica, e della coerenza per i 205 studi di settore applicabili per il 2012 - nonché le bozze relative ai modelli degli indici di normalità

Il sole 24 ore - 28 marzo 2013 - S. Morina, T. Morina - pag. 17

Gli archivi online vanno aggiornati

Garante Privacy. Giornali e quotidiani

Gli archivi online dei giornali devono essere aggiornati. Se riguardo a una vecchia notizia arrivano, nel corso del tempo, nuovi elementi che la trasformano - è il caso, per esempio, delle vicende giudiziarie - l'interessato ha tutto il diritto di chiedere che nell'articolo originario vengano aggiunte note che raccontano come poi è andata effettivamente a finire la storia.
Il principio è stato affermato dal Garante della Privacy con due recenti pareri.
In questo modo l'Autorità ha dato ragione a due cittadini che erano rimasti, anni addietro, coinvolti in vicende giudiziarie, dalle quali erano poi usciti assolti.

ltalia oggi - 28 marzo 2013 - A. Cherchi - pag. 19