Rassegna stampa del 10 aprile 2013
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK in Tour a >Bologna per farvi scoprire la Firma Elettronica Avanzata (FEA)

Ue, i grandi in campo contro l'evasione

 
Fisco. Dopo gli scandali sui paradisi tributari cinque Paesi europei annunciano una piattaforma comune - Pressing su Austria e Lussemburgo.
Italia, Francia, Germania, Spagna e Gran Bretagna puntano allo scambio automatico dei dati

Si parlerà anche di lotta all'evasione fiscale questo fine settimana a Dublino, dove i ministri delle Finanze e i banchieri centrali dei 27 si riuniranno per un Ecofin informale.
La questione è improvvisamente tornata d'attualità dopo la pubblicazione di incredibili informazioni sul ruolo crescente dei paradisi fiscali off-shore per molti cittadini europei e mentre Austria e Lussemburgo sono sotto pressione perchè rivedano le loro leggi nazionali sul segreto bancario.
Cinque paesi europei, tra cui l'Italia, hanno mandato ieri una lettera alla Commissione europea per annunciare di voler lavorare insieme su "una piattaforma multilaterale di scambio di informazioni" che consenta di lottare efficacemente contro l'evasione fiscale.

Il sole 24 ore - 10 aprile 2013 - B. Romano - pag. 17

Il fisco non decide come si paga

 
Trenta sentenza della Ctr l'Aquila: no alla contestualità tra scontrini fiscali e bancomat.
Dopo aver venduto il negoziante incassa quando vuole


Sono infondate le deduzioni tratte dalla Guardia di finanza che prevedano la necessaria contestualità tra gli importi rilevati dagli scontrini fiscali e gli incassi registrati dai sistemi pos (bancomat).
L'unico e concreto momento in cui deve essere verificata la mancata emissione degli scontrini fiscali, e quindi irrogata l'eventuale sanzione, non può che essere contestata all'uscita del cliente dai locali commerciali.
Inoltre va riconosciuta la possibilità di differenziare il momento della vendita con quello della riscossione, lasciando cosi al commerciante la facoltà di concedere ai propri clienti una delle tipiche forme di credito al consumo, la dilazione di pagamento, senza per questo vedersi sanzionato.

Italia oggi - 10 aprile 2013 - L. Bozza - pag. 28

Compensazioni con gli sconti

Decreto pagamenti. Il Dl 35 consente l'uso dell'F24 ma previa certificazione.
Al contribuente i benefici degli istituti premiali/deflativi

Le imposte accertate e le sanzioni relative alle violazioni tributarie applicate dagli uffici possono essere pagate mediante compensazione, in adesione agli istituti tributari premiali/deflativi e fruendo quindi dei corrispondenti benefici, dei crediti per somministraazione, forniture e appalti, vantati dal contribuente nei confronti dello stato, degli enti pubblici nazionali, delle regioni, degli enti locali e degli enti del servizio sanitario nazionale, maturati al 31 dicembre 2012, purché certi, liquidi, esigibili e non prescritti.
(...)
Questo, in sintesi, il contenuto dell'art. 28-quinquies del dpr n. 602/1973, aggiunto dall'art 9 del dl n. 35/2013, il decreto concernente disposizioni per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazine.

Italia oggi - 10 aprile 2013 - F. Ricca - pag. 22