Rassegna stampa del 10 maggio 2013
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

Firma GrafOK, per gestire la firma avanzata elettronica su documenti informatici nativi che prevedono l'apposizione di una o più firme autografe

Scelta sui bonifici del 36% e del 50%

 
Negli sconti sulle ristrutturazioni possibile selezionare i pagamenti più favorevoli.
Le spese effettuate dal 26 giugno sono agevolate fino a 96mila euro

Per le spese sulle ristrutturazioni edilizie, è possibile scegliere quali bonifici del 2012 portare in detrazione, tralasciando quelli detraibili al 36% (prima del 26 giugno 2012) e selezionando solo quelli pagati dopo, che consentono di detrarre il 50 per cento. E' uno dei chiarimenti forniti ieri nella circolare delle Entrate n. 13/E.

Il sole 24 ore - 10 maggio 2013 - L. De Stefani - pag. 19

Litigare con il fisco costa caro

 
Consiglio di presindenza di giustizia tributaria: pesa la gestione e la complessità normativa.
Incremento di valore delle controversie a 7-8.000 €


Controversie tributarie più complesse. E con un progressivo "incremento di valore": tutte, ormai, superiori a 7-8mila euro.
Il motivo? Il "costo della gestione del contenzioso, che non tutti, in tempo di crisi, sono in grado di sostenere", perciò "si tende a trovare un accordo", invece di portare la causa per le lunghe.

Italia oggi - 10 maggio 2013 - S. D'Alessio - pag. 28

Partita Iva cancellata, c'è autoconsumo

Sentenza della corte di giustizia europea.
I beni giacenti vanno tassati in base al valore residuo

Anche la cessazione dell'attività in conseguenza della cancellazione d'ufficio del soggetto passivo dal registro dei contribuenti Iva comporta la tassazione dei beni "giacenti" (autoconsumo) che al momento dell'acquisto avevano formato oggetto di detrazione.
La base imponibile per il calcolo dell'Iva su questa operazione è costituita dal valore residuo dei beni, determinato all'atto della cessazione dell'attività tenendo conto della evoluzione del valore dal momento dell'acquisto.
E' quanto chiarisce la Corte di giustizia Ue nella sentenza 8 maggio 2013, causa C-142/12 (...).

Italia oggi - 10 maggio 2013 - F. Ricca - pag. 30