Rassegna stampa del 4 settembre 2013
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK, il software per l'Archiviazione elettronica e la conservazione sostitutiva di Data Print Grafik

San Marino, più tempo

 
Le novità introdotte dallo spesometro avranno effetto dal 1° ottobre.
Un mese per comunicare gli acquisti al fisco

Più tempo e nuove modalità per comunicare gli acquisti di beni da San Marino: le imprese nazionali dovranno trasmettere telematicamente la comunicazione all'Agenzia delle entrate entro il mese successivo a quello di registrazione della fattura del fornitore, anziché entro cinque giorni.
Le novità, contenute nel provvedimento dell'Agenzia del 2 agosto 2013 di approvazione del nuovo spesometro e del modello polivante, avranno effetto dalle operazioni annotate a partire dal 1° ottobre prossimo.


Italia oggi - 29 agosto 2013 - R. Rosati - pag. 25

Per il nuovo redditomestro un doppio contraddittorio

Lotta all'evasione. La presunzione è semplice

Doppio contraddittorio, di fatto, per il nuovo redditometro. Con il primo (contraddittorio) che risulta rivolto alla individuazione, da parte dell'Agenzia, della situazione il più possibile dettagliata relativa al contribuente.
E' questo quanto si desume dalla circolare dell'agenzia delle Entrate sul nuovo redditometro (la numero 24/E di quest'anno), dal quale si percepisce la volontà dell'amministrazione di anticipare sin dal primo incontro il contraddittorio con il contribuente.

Il sole 24 ore - 4 settembre 2013 - D. Deotto - pag. 13

Detenzioni parziali in RW

Adempimenti. Da oggi in vigore le disposizioni della legge europea che rivedono il monitoraggio.
Non rileva la situazione al termine del periodo d'imposta

La nuova scrittura dell'articolo 4 del decreto legge 167/1990 - monitoraggio attivà estere - , come prevista dalla legge 6 agosto 2013 n. 97 in vigore da oggi, pone alcuni dubbi interpretativi/applicativi che si auspica vengano chiariti dal provvedimento del direttore dell'agenzia delle Entrate che fisserà le caratteristiche della nuova dichiarazione annuale.
Il testo previgente prevedeva un obbligo di indicazione degli investimenti all'estero o attività estere di natura finanziaria, qualora il loro ammontare complessivo fosse superiorre a 10mila euro (circolare dell'Agenzia delle Entrate n. 45/E/2010) nella sez. II del quadro RW prendendo a riferimento la situazione al termine del periodo d'imposta.

Il sole 24 ore - 4 agosto 2013 - R. Parisotto - pag. 13