Rassegna stampa del 16 settembre 2013
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK, il software per l'Archiviazione elettronica e la conservazione sostitutiva di Data Print Grafik

Dal 2015 la svolta della fattura online

 
Le procedure. Il futuro utilizzo della modalità telematica giustifica lo slittamento dei termini

Per Stato, regioni, province, comuni e altri organismi di diritto pubblico un'esclusione fino al 2015 dagli obblighi comunicativi dello spesometro può trovare una giustificazione normativa: entro questa data, infatti, entreranno in vigore le semplificazioni previste dall'articolo 50 bis del Dpr 69/2013 (decreto del fare) e saranno pienamente operative le nuove regole di fatturazione elettronica verso la Pa.
Le due novità cambieranno radicalmente il comportamento degli enti pubblici e si affiancherannno all'introduzione della contabilità economica che proprio nel 2015 sarà del tutto operativa.


Il sole 24 ore - 14 settembre 2013 - P.Parodi, B. Santacroce - pag. 25

Il redditometro pesa anche la quota di risparmio

Accertamento. Gli elementi rilevanti

Anche la quota di risparmio dell'anno assume rilevanza ai fini del redditometro.
La norma (articolo 38, comma 4, del Dpr 600/1973) stabilisce che, ai fini della determinazione sintentica del reddito, si tiene conto delle spese di qualsiasi genere sostenute dal contribuente.
Tra le spese di qualsiasi genere rientrano sia le spese correnti che quelle per gli incrementi patrimoniali, come più volte affermato dall'agenzia delle Entrate (si veda, ad esempio, circolare n. 28/E/2011).

Il sole 24 ore- 14 settembre 2013 - D. Deotto - pag. 26

L'occhio del fisco si fa globale

Dal G20 conto alla rovescia per la lotta all'evasione. Imprese tassate dove producono.
Tutti i paesi dovranno condividere i dati entro il 2015

Stop all'evasione internazionale entro il 2015.
Ad attivare il conto alla rovescia sono stati i capi di stato e di governo dei paesi più industrializzati riuniti a San Pietroburgo in occasione dell'ultimo meeting del G20.
Laddove non si è trovata un'alleanza sul dossier Siria, i grandi del mondo hanno deciso di percorrere una strada comune nel processo di contrasto all'evazione approvando il rivoluzionario piano messo a punto dall'Ocse per debellare l'elusione fiscale perpetrata dalle imprese multinazionali, dando un giro di vite, al tempo stesso, allo strapotere economico dei paradisi fiscali.

Il sole 24 ore - 16 settembre 2013 - T. Cerne - pag. 9