Rassegna stampa del 17 settembre 2013
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK, il software per l'Archiviazione elettronica e la conservazione sostitutiva di Data Print Grafik

Più care società ed eredità

 
Imposta di registro. Da 168 a 200 euro a partire dal 2014 anche per le ipotecarie e catastali.
L'aumento del prelievo non riguarda solo gli atti immobiliari

L'aumento dell'imposta di registro non toccherà solo i trasferimenti di beni immobili: nella programmata riforma della tassazione (delineata dall'articolo 26 del Dl IIstruzione - 104/2013), da leggersi in combinazione con l'articolo 10 del Dlgs 23/2011, emergono parecchie altre novità.
Infatti, secondo la nuova normativa, in ogni fattispecie in cui a oggi (o, meglio, al prossimo 31 dicembre) siano applicabili le imposte di registro, ipotecaria e catastale nella misura fissa di 168 euro, si renderà applicabile la nuova misura fissa di 200 euro.


Il sole 24 ore - 17 settembre 2013 - A. Busani - pag. 23

Redditometro con vincoli ridotti

Lotta all'evasione. Anche dopo la fase di selezione l'amministrazione può virare verso un altro tipo di indagine

Con un redditometro che potenzialmente può spaziare a tutto campo, la risposta del contribuente sin dalla prima fase della risposta al questionario dovrà essere esaustiva e attenta al tempo stesso: il tutto proprio perchè l'accertamento sintetico, a seconda delle convenienze dell'ufficio, può rivestire il ruolo di attaccante o di difensore nella partita dell'accertamento fiscale.
Per comprendere meglio il tutto va ricordato che un'attività di controllo avviata in base alle risultanze redditometriche non necessariamente deve concludersi con un accertamento di tipo "sintetico": in sostanza, potrebbe anche accadere che un contribuente interessato dal questionario relativo alle spese sostenute nel 2009 successivamente subisca un accertamento su altre tipologie reddituali puntualmente individuate.

Il sole 24 ore- 17 settembre 2013 - C. Nocera - pag. 25

Stretta sull'Iva di favore

La bozza del Def che sarà presentato il 20 settembre prossimo.
Esenzioni e minialiquote, perimetro ridotto

Modifiche al perimetro di applicazione di esenzioni e aliquote ridotte dell'Iva.
Taglio del cuneo fiscale (abbattendo, cioè, il costo del lavoro) e via libera alla riforma del catasto, rendendo il registro degli immobili aderente ai valori di mercato. E ancora, si al contenimento del debito (che, secondo le previosioni, arriverà al 132,2% del pil nel 2014) e a un rafforzamento della spending review nei prossimi mesi, operando nei successivi provvedimenti legislativi un contenimento delle spese "a tutti i livelli amministrativi".

Italia oggi - 17 settembre 2013 - S. D'Alessio - pag. 23