Rassegna stampa del 14 ottobre 2013
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK, il software per l'Archiviazione elettronica e la conservazione sostitutiva di Data Print Grafik

La fattura anticipata decide l'aliquota Iva

Imposte indirette. La percentuale è stabilita in base al momento in cui viene effettuata l'operaizone: la spedizione dei beni o, se precedente, il rilascio del documento.
Per gli acquisti intracomunitari il prelievo rimane al 21% se la nota è stata emessa entro il 30 settembre

La fatturazione anticipata decide l'aliquota Iva. Infatti, negli acquisti intracomunitari, la misura del prelievo è stabilita in base al momento in cui l'operazione è effettuata. E l'operazione si considera "effettuata" al momento dell'emissione della fattura, se questa avviene prima della partenza dei beni.
Pertanto, anche se dal 1° ottobre l'aliquota Iva ordinaria è passata dal 21 al 22% agli acquisti di merci fatturate a settembre ma spedite a ottobre si continua ad applicare l'aliquota del 21% al momento dell'integrazione della fattura.


Il sole 24 ore - 14 ottobre 2013 - M. Balzanelli - pag. 3

Spesomentro con tutte le fatture

Adempimenti. Le novità della comunicazione "multipla" su cessioni e prestazioni pubblicata giovedi dalle Entrate.
Obbligo generalizzato dal 2014 - Per 2012 e 2013 resta il limite dei 3.600 euro

Caccia alle operazioni escluse dal nuovo spesometro dopo la diffusione della modulistica e delle istruzioni ufficiali (in attesa di una proroga delle scadenze che però al momento sembra allontanarsi).
Per la predisposizione degli elenchi clienti e fornitori in scadenza il prossimo 12 novembre, occorre immettere apposite procedure nei software contabili per operare l'estrazione dei movimenti da comunicare.
L'intreccio tra le regole contenute nel provvedimento del 2 agosto 2013 e le ultime istruzioni fornite dalle Entrate rende complesso il lavoro dei contribuenti.
La comunicazione d elle operazioni Iva del 2012, secondo quanto stabilito dal provvedimento del 2 agosto 2013 e confermato dalle istruzioni di giovedi scorso, può essere compilata in una duplice modalità: analitica e cumulativa.
Chi sceglie lo spesometro analitico deve indicare ogni fattura emessa o ricevuta (e relative note di variazione), con evidenza della data e del numero di emissione e di registrazione. Chi opta per la modalità aggregata riporterà, per ogni cliente e fornitore, il numero delle operazioni cumulate, l'importo totale fatturato (imponibile e Iva) e quello delle note di variazione.

Il sole 24 ore - 12 ottobre 2013 - L. Gaiani - pag. 23

Nuova vita al codice doganale

Pubblicato sulla Guue il regolamento che riscrive le norme europee: più spazio all'online.
Controlli più efficaci, da eseguire con analisi dei rischi

Procedure semplificate alle Dogane per effetto dell'allineamento delle norme del Codice doganale aggiornato a quelle del Trattato sul funzionamento dell'Ue (c.d. Trattato di Lisbona).Che insieme hanno dato vita al Codice doganale dell'Unione. Con regolamento Ue del parlamento e del Consiglio n. 952 del 2013 è stato adottato, infatti, il nuovo "Codice doganale del'Unione" (Cdu), pubblicato sulla Guue serie L n. 269 del 10 ottobre 2013.
La sua entrata in vigore è prevista per il 30 ottobre, mentre la piena applicazione avverrà entro il 1° giugno del 2016.

Italia oggi - 14 ottobre 2013 - A. Di Cicco - pag. 15