Rassegna stampa del 23 ottobre 2013
a cura dell'Ufficio Stampa di Data Print Grafik

ArchiviOK, il software per l'Archiviazione elettronica e la conservazione sostitutiva di Data Print Grafik

RW, sanzioni ridotte anche per il passato

Dichiarazioni. La direttiva dell'agenzia delle Entrate con le prime indicazioni sul monitoraggio fiscale dopo le novità introdotte dalla legge 97/2013.
Indicazioni da confermare in circolare - I contenuti del nuovo modello restano da precisare

Favor rei ad ampio raggio per il quadro RW: sanzioni ridotte anche per il passato e nessuna sanzione per gli obblighi soppressi.
Se l'atto è stato già emanato e non è definitivo , gli uffici lo sgraveranno in autotutela anche senza richiesta del contribuente.
Sono le prime, ma puntuali, indicazioni operative sulle sanzioni legate al monitoraggio fiscale.
Vengono dall'agenzia delle Entrate, con la direttiva del 10 ottobre, in attesa di una circolare in materia.
La legge 97/2013 ha modificato varie disposizioni sul monitoraggio fiscale, in particolare sugli obblighi dichiarativi del quadro RW. In conseguenza della richiesta della Commissione europea, sono state abrogate le sezioni I e III del quadro RW.


Il sole 24 ore - 23 ottobre 2013 - A. Iorio - pag. 23

Sempre da dichiarare le transazioni con fattura

Non vanno export, import e pagamenti verso privati con carte tracciabili

Nuovo spesometro polivante al via dal 12 novembre con ancora alcuni dubbi da chiarire sul contenuto della comunicazione.
L'intreccio tra comunicazione delle operazioni Iva, elenchi black list e operazioni dei commercianti al dettaglio rende difficoltosa l'individuazione delle operazioni da includere e di quelle esonerate. Lo spesometro resta disciplinato dalla norma di legge originaria (articolo 21 del Dl 78/2010), che richiede di comunicare solo le operazioni rilevanti ai fini Iva.
Rientrano nell'elenco tutte le operazioni imponibili, non imponibili ed esenti. Sono comprese le cessioni gratuite (in caso di autofattura si espone la partita Iva del cedente), le operazioni in reverse charge assoggettate ad Iva dal committente.

Il sole 24 ore - 23 ottobre 2013 - L. Gaiani - pag. 4

Spesometro nuovo modello anti-duplicazione

I termini per gli invii anti-duplicazioni

Tra novembre e dicembre gli operatori economici, siano essi imprese che professionisti, sono chiamati ad inviare al Fisco una serie di comunicazioni, più o meno complicate, che si intrecciano tra loro sia per le informazioni che contengono, che per le finalità che le informano.
Ogni comunicazione segue regole sue autonome, anche se per molte di queste l'Agenzia, con il provvedimento del 2 agosto 2013, ha approvato un modello polivante unico.
A parte restano solo alcune comunicazioni quali quelle relative ai beni concessi ai soci, ovvero alle informazioni fornite dagli intermediari finanziari.
Il principio che ha ispirato l'Agenzia nella creazione del modello polivante e, più in generale, per tutte le comuncazioni più recenti, è di evitare di richiedere al contribuente informazioni già monitorate dall'amministrazione finanziaria, ovvero di evitare la duplicazione di richieste.

Il sole 24 ore - 23 ottobre 2013 - B. Santacroce - pag. 2